Cosa fare per essere in ordine prima del parto

Essere in ordine prima del parto

Trattamenti estetici prima del parto

Il termine fisiologico e la conclusione di una gravidanza, è fissato tra la 38° e la 42° settimana di gestazione.

Già dalla 36° settimana, possono iniziare le prime fasi del periodo che precede il parto, con una serie di modificazioni di preparazione. Questo periodo è definito: periodo prodromico.

Le prime contrazioni, qualche doloretto in fondo alla pancia, qualche piccola perdita e magari qualche avvisaglia emotiva.

Il sonno si può alterare, le posizioni sono tutte scomode, ci si sveglia costantemente,

si aggiunga un po’ di tensione per l’evento parto, insomma non si è proprio in formissima.

Il viso appare un pò spento, qualche macchia ed è possibile che compaiano fastidiose e piuttosto frequenti, occhiaie in gravidanza.

La stanchezza e l’ingombro del pancione associati alla fatica nei movimenti, fa sì che potersi dedicare un po’ di tempo, per qualche trattamento estetico, servirà a caricare le batterie e a prepararsi alla nascita del bimbo.

È importante non farsi cogliere impreparate e occuparsi per tempo della cura della persona.

In Inghilterra stanno aumentando molto le richieste di trattamenti estetici in gravidanza e trattamenti estetici  pre-parto, non accettando la non perfezione della donna, che inevitabilmente questa fase prevede.

Senza arrivare all’estrema moda londinese, in cui bisogna usare ogni mezzo per essere bella nelle prime foto con il bambino, non si può rinunciare alla bellezza e all’estetica in gravidanza.

Vediamo come è possibile intervenire con un programma di estetica pre-parto.

Per un, come si dice “trucco e parrucco” ideali, prendiamo in considerazione:

  • acconciatura
  • depilazione pre parto
  • ceretta pre parto
  • manicure, pedicure
  • trattamento viso e corpo.

Parrucchiere

Prendersi un momento per occuparsi dei capelli, verificando se è necessario un ritocco del taglio o del colore, magari completando con un trattamento curativo che ristrutturi e doni lucentezza.

I capelli in linea di massima in gravidanza migliorano, ma non per tutte, in alcuni casi appaiono più sfibrati, svuotati e poco luminosi.

Esistono ricostruzioni per i capelli trattati, per il riequilibrio del cuoio capelluto e del sebo.

Il mondo dei cosmetici per capelli ha avuto un notevole sviluppo con numerose proposte in base alle esigenze.

Ricordo che il cuoio capelluto, è la cute che accoglie i capelli, ma che è sempre pelle e come tale va trattata.

Epilazione

Come va gestita l’epilazione è una delle domande che più mi viene posta.

L’epilazione in gravidanza si sa, puó risultare un pochino complicata soprattutto per la zona intima e i dubbi e la confusione in merito non mancano.

Aldilà di come normalmente ci si epila, per il parto sarebbe opportuno rimuovere i peli che sono presenti nella zona perineale, tra vagina e ano e nell’area inguinale.

Non è obbligatorio e non sarebbe necessario rimuovere tutti i peli pubici, ma visto che questa area potrebbe essere interessata da interventi chirurgici ed ostetrici, meglio non averne o averli molto corti.

Molto spesso non ci sono indicazione precise, circa la depilazione in prossimità al parto, ma indipendentemente da questo, meglio prepararsi per tempo.

Consiglio un’epilazione eseguita da una professionista, che sarà in grado di garantire la perfetta esecuzione.

Le dimensioni della pancia non consentono di poter far da sole ed essendo la zona così delicata, per evitare che non subisca irritazioni e danni, è meglio ricorrere ad una professionista specializzata, abituata a trattare e offrire servizi per donne in gravidanza.

Il metodo migliore di epilazione in gravidanza

Esistono diverse metodologie, ma la più adatta in gravidanza, per fattibilità, sicurezza e tempi maggiori di ricrescita è la ceretta.

Esistono diverse formule di cera, tra quelle all’azulene, al miele, al naturale o alle paste di zucchero. Sono leggermente diverse rispetto alla loro capacità di adesione al pelo e quindi differenti per l’azione di strappo.

Ne esiste un tipo a caldo e uno a freddo, per la gravidanza è indicata una tipologia, che possa permettere uno strappo delicato e con una temperatura contenuta.

La cera andrà comunque scelta in base al tipo di pelo, alla zona da trattare e al tipo di pelle.

È praticabile per tutto il periodo della gravidanza ma, è consigliabile  la ceretta prima del  parto per due buoni motivi:

-la zona sarà in ordine e pulita in tutte le fasi del travaglio, del parto e nella fase successiva con la riduzione del rischio di infezioni, che si potrebbero creare per la presenza di peli nel caso si creassero lesioni o nell’eventualità dell’esecuzione durante il periodo espulsivo, dell’episiotomia.

L’episiotomia è quel piccolo taglietto che si pratica a livello perineale che a volte diventa necessario per facilitare la nascita del bambino.

Tranquille si pratica solo in alcuni casi e non per tutte.
Per evitare che si lasci agli operatori sanitari il compito di rimuovere i peli in caso di necessità, magari in situazioni in cui c’è poco tempo.

Per quanto bravi, la tecnica sarà esclusivamente quella del rasoio quindi non ideale per gli effetti che si possono creare come irritazioni e per l’effetto sui peli stessi.

È risaputo che in alcuni soggetti, i peli tagliati con il rasoio possono crescere più robusti e folti.

Quindi meglio provvedere alla gestione della depilazione prima del parto in tempo e con tutta la dovuta calma.

Manicure

Le mani sono da sempre uno dei nostri biglietti da visita e avere una pelle e delle unghie curate, per una donna è basilare.

Durante la gravidanza alcuni tipi di manicure, non sono consigliati.

Ricostruzioni, allungamenti con unghie finte ( tips) o con gel, decorazioni tra le più fantasiose e applicazione di smalti permanenti, sono poco funzionali per la donna in questo periodo.

Personalmente non li consiglio per tutta la gravidanza a maggior ragione in prossimità del parto.

Non privi di rischi per il tipo di prodotto e metodica utilizzata.

Inoltre la presenza di questi materiali, non consente di valutare le unghie in quanto coperte e potrebbe rappresentare un problema nel caso di un ricovero in ospedale,

le cui regole di solito non consentono di tenere lo smalto, figuriamoci delle unghie ricostruite.

A tal proposito ricordo che è meglio rimuovere gli eventuali piercing, in caso di urgenza non c’è tempo di dedicarsi alle pratiche di rimozione.

Pedicure

Con il pancione, diventa davvero difficile curare il piede o tagliarsi le unghie, per cui ricevere una pedicure comodamente sdraiate, sarà sicuramente gradito e da preferire.

Il trattamento è di solito molto piacevole, una coccola con massaggio finale che per le condizioni di ritenzione idrica, gonfiori a caviglie e piedi, diventa un vero toccasana, piacevole e rigenerante.

La manicure e la pedicure hanno il compito di rendere belle e curate queste parti e perché no, anche di regalare un momento di relax.

La sterilizzazione degli strumenti

Bisogna verificare che gli strumenti utilizzati per l’esecuzione siano prevalentemente di tipo monouso.

Per gli altri come lime, tronchesi ecc. devono aver ricevuto un trattamento di sterilizzazione in autoclave, come quella utilizzata negli studi di un dentista.

Questo passaggio garantirà che non ci sia nessuna contaminazione da possibili agenti patogeni.

Questo aspetto è molto importante in quanto, gli strumenti a contatto con unghie, cuticole (pellicine intorno alle unghie) o cute in genere, possono trasmettere se non adeguatamente trattati, alcune malattie come le micosi (funghi) o anche più pericolose come infezioni.

Oltre ai trattamenti classici come ceretta, manicure e pedicure, prima del parto sono consigliati trattamenti più specifici per viso e corpo.

Trattamento al viso

Prese dalle cure da rivolgere al bimbo e all’allattamento, non ci sarà molto tempo per se, dopo il parto.

Meglio dedicarsi delle attenzioni prima.

Un trattamento al viso che possa rigenerare, idratare, riequilibrare e dare luminosità alla pelle, contribuirà a rendere più belle e sentirsi meglio, per il lieto evento.

Le modificazioni della pelle dovute alle alterazioni ormonali, con problematiche di secchezza, sensibilità o di macchie, potranno essere attenuate da un trattamento specifico.

Sarà anche occasione per dare ordine al contorno occhi, con la definizione delle sopracciglia che rappresentano la cornice dell’occhio e quindi della bellezza dello sguardo.

Trattamento corpo

In questo periodo è inevitabile essere un po’ affaticate, la pancia è molto ingombrante, la schiena un pò indolenzita, le gambe possono essere gonfie e anche i piedi e le caviglie non scherzano.

La sensazione di pesantezza e di tensione, che si possono avvertire su tutto il corpo possono essere alleviate da alcuni trattamenti estetici.

Un trattamento che riduca la fatica, rilassi la muscolatura della schiena, aiuti a drenare i liquidi in eccesso e gli eventuali gonfiori può risultare molto utile.

Un pochino di agitazione e diciamocelo, anche un pò di paura sono assolutamente normali e non ci sarà niente di meglio di un massaggio rilassante e distensivo.

Il massaggio in generale aiuta a ridurre numerosi disturbi perché in grado di:

  • favorire il rilassamento
  • riequilibrare il sistema nervoso
  • riequilibrare il sistema ormonale
  • ridurre le tensioni
  • migliorare la circolazione sanguigna
  • ridurre gonfiori e ritenzione idrica
  • migliorare il benessere e lo stato emotivo.

Le pratiche di massaggio sono di solito gradire e in questa fase, lo saranno di certo.

E’ possibile ricevere contestualmente, un trattamento in grado di idratare, levigare e rigenerare la pelle, con l’impiego di cosmetici che ne completano l’azione.

Non sono permessi trattamenti estetici in cui vengano impiegate apparecchiature, di nessun tipo, né basate su onde elettriche, acustiche, ultrasoniche ecc..

I prodotti cosmetici impiegati, devono essere privi di sostanze nocive, appositamente studiati e garantiti per la donna nella fase della gravidanza.

Prima del parto, un vero e proprio trattamento che tratta sia il viso che il corpo, magari nella medesima seduta, contribuirà a creare un momento rigenerante, che darà riequilibrio, rilassamento e anche un pochino di serenità per essere pronte al lieto evento.

Di questo, beneficerà anche il futuro nascituro.

Consiglio un trattamento con speciali burri vegetali, seguito da tecniche di massaggio, in particolare per gambe e schiena, integrato con manovre della medicina orientale, sempre sapienti.

Il risultato sarà il raggiungimento di uno stato di bellezza, benessere, relax ed evasione della mente.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su di me

Linda Tosoni

Dopo un’esperienza professionale ventennale come ostetrica ospedaliera, estetista, insegnante, consulente e titolare di un istituto di bellezza, ho deciso di creare un vero e proprio metodo per l’estetica dedicata alla donna in gravidanza.

Contattami per una prima consulenza gratuita!

 Firma Linda Tosoni

Ultimi articoli

CONSULTA IL BLOG

cerca nel sito