Depilazione inguine femminile: tre cose che devi sapere

Depilazione inguine

Eliminare i peli superflui è pratica necessaria per mantenere la pelle pulita, liscia e morbida e, in particolare, nel caso della depilazione dell’inguine femminile ci sono tantissime cose che bisogna conoscere preventivamente per trattare la cute al meglio ed evitare eventuali irritazioni.

Tra i trattamenti di bellezza ed estetica in gravidanza, la depilazione intima è un’operazione alla quale bisogna prepararsi per evitare che la pelle subisca traumi e, dato che la zona nella quale rimuovere i peli è particolarmente delicata, gli accorgimenti da tenere non sono mai abbastanza.

La depilazione dell’inguine femminile può essere effettuata mediante diverse tecniche, alcune un pochino aggressive altre, invece, più delicate ed indicate proprio per le parti intime delle donne.

È chiaro che è fondamentale conoscere la propria pelle al fine di procedere alla depilazione inguine applicando la tecnica più corretta ed indicata per la soddisfazione delle proprie esigenze. Prima di procedere all’eliminazione dei peli scegliendo: rasoio, crema, apposita ceretta dell’inguine, laser e così via, sarà necessario (più che opportuno) rivolgersi ad uno specialista e, nello specifico, quindi ad un professionista della bellezza che possa – dopo un’accurata valutazione – indicare il metodo più adatto per la depilazione femminile intima ed anche le eventuali tecniche da evitare perché non adatte alla propria pelle..

In merito a questa tematica sempre attuale, ogni donna dovrebbe sapere il più possibile e, nello specifico, ci soffermeremo su tre cose importanti, per come vedremo di seguito: la prima riguarda la fase di preparazione alla quale deve essere sottoposta la pelle prima della depilazione intima, la seconda, invece, farà riferimento alle tecniche di depilazione dell’inguine e l’ultima, infine, sarà importante per scoprire i vantaggi della assenza e rimozione dei peli superflui nella zona intima.

La preparazione

La prima cosa sulla quale bisogna soffermarsi è la definizione di depilazione intima: si tratta di una procedura che consente di eliminare solo la parte del pelo visibile che, pertanto, comincerà a ricrescere a partire già dai giorni immediatamente successivi all’intervento di rimozione dei peli.

La depilazione dell’inguine dovrà essere programmata in base anche alla tipologia del pelo da rimuovere che varia da pelle a pelle, sia per lunghezza, sia per forma e, anche, per la sua robustezza. Il pelo si compone della radice e del fusto che, rispettivamente, si identificano con la parte interna ed esterna e, dunque, quest’ultima visibile.

Ma la depilazione potrebbe compromettere alcune funzioni del peli stessi, come il loro coinvolgimento nel processo che determina la termoregolazione che a sua volta, garantisce la stabilità della temperatura corporea.

Dobbiamo dunque ricordare che la depilazione all’inguine e in altri parti sensibili del corpo potrebbe privare la pelle di quella barriera naturale che viene costituita dai peli. Infatti essi sono una protezione naturale che funge da perfetta trappola per impedire il passaggio dei batteri e di altri corpi estranei, i quali potrebbero a loro volta rappresentare un pericolo per la salute dell’organismo, che in gravidanza è sicuramente più sensibile.

Proprio per questo motivo, che si tratti di una ceretta bikini o di qualsiasi altra forma di depilazione intima, l’importante è che l’operazione di rimozione dei peli superflui venga eseguita in sicurezza e seguendo tutte le indicazioni.

Chi non ha mai guardato un video depilazione all’inguine femminile per capire come fare a liberarsi dai peli superflui? Più o meno, tutte lo abbiamo fatto e, magari, più volte per capire meglio come procedere e districarsi in queste curiose pratiche.

E certamente, la cosa che si sarà notata è che per qualsiasi metodologia di depilazione intima, è indispensabile preparare la pelle preventivamente, onde evitare di stressarla eccessivamente o procurare traumi e irritazioni, alcune delle quali anche gravi.

Pertanto, prioritaria rispetto al resto, è la fase di pulizia e detersione della cute e, prima di procedere alla depilazione inguinale, bisognerà anche provvedere e portare a termine l’operazione di esfoliazione al fine di eliminare tutte le impurità e rendere la zona completamente pulita e pronta per la rimozione dei peli.

Chi ha visto almeno un video sulla depilazione inguinale femminile, avrà anche notato che è necessario e consigliato, almeno due/tre giorni prima della depilazione intima, provvedere all’esfoliazione della pelle anche per eliminare le cellule morte, oltre che per permettere ai peli di crescere tutti nella stessa direzione per essere poi rimossi più facilmente.

I metodi

Per depilarsi l’inguine in maniera ottimalesi può ricorrere a diverse tecniche, alcune assai delicate ed altre meno, grazie alle quali raggiungere l’obiettivo unico di rimuovere i peli superflui.

Naturalmente, a seconda del metodo utilizzato per la depilazione intima, la ricrescita sarà più o meno veloce, con peli più o meno folti e più o meno morbidi e setosi.

Ma quali sono i metodi ideali per una depilazione inguine perfetta? Proprio l’analisi delle tecniche di rimozione dei peli inguinali, rappresenta la seconda delle tre cose da sapere in merito alla depilazione.

Di seguito, elencheremo le varie tecniche per liberare la cute dai peli, descrivendone per ognuna anche i pro e i contro delle pratiche di depilazione intima. Partiamo da quella più semplice, veloce ma anche aggressiva per arrivare poi a quella più completa, costosa ma definitiva.

Rasoio: Cominciamo dalla depilazione dell’inguine realizzata ricorrendo all’uso del rasoio.

Lo strumento, costituito da diverse lame, deve essere passato sulla pelle e la funzione è quella di tagliare il pelo. Certamente, chi usa il rasoio risparmia denaro e tempo ma, probabilmente, non ha idea del prezzo che dovrà pagare per riavere una pelle realmente liscia e morbida. Il rasoio, infatti, anche quello più completo, efficace e delicato, è particolarmente aggressivo per la pelle e la sua azione è tanto veloce quanto veloce sarà la ricrescita dei peli tagliati con questo strumento. Non solo, la depilazione effettuata con il rasoio provoca la ricrescita quasi immediata di peli sempre più forti e duri che, man mano che si va avanti, sarà sempre più difficile eliminare.

Crema depilatoria: la depilazione dell’inguine con crema avviene con il prodotto regolarmente spalmato sulla zona da ripulire e, dopo un’attesa di poco meno di 10 minuti, si può procedere alla rimozione con l’apposita spatola. Seppur meno aggressiva del rasoio, la crema utilizzata per la depilazione intima non è di certo soluzione ideale nella stagione invernale in quanto richiede una certa tempistica per la posa e si rischia di soffrire il freddo. Non solo, i peli – seppur con tempi meno brevi rispetto a quelli del rasoio – ricrescono in fretta e la pelle può irritarsi facilmente anche perché potrebbe non tollerare il prodotto e gli ingredieti che lo compongono, per la loro potenziale aggressiva.

Ceretta inguine: è sicuramente il metodo di depilazione più diffuso e più praticato in assoluto, perché efficace e, a seconda del pelo da trattare, anche abbastanza duraturo. La ceretta, una volta sciolta, si distribuisce sulla zona da epilare e, grazie a specifiche strisce si procede all’eliminazione dei peli dalla radice, effettuando uno strappo preciso. Per la depilazione inguine (femminile soprattutto) si ricorre anche all’uso delle strisce già pronte che, una volta riscaldate, vengono fatte aderire alla pelle per effettuare lo strappo. Questa tecnica di depilazione intima è, però, meno efficace della cera a caldo. La ceretta intima è anche, tra i vari metodi, quello dal perfetto rapporto qualità – prezzo, che impone anche la valutazione della convenienza per tempo e denaro.

Particolarmente consigliata in questi casi è sicuramente la ceretta araba, detta anche sokkar, un metodo di epilazione molto antico e naturale, che prevede l’applicazione di una cera composta solamente da zucchero, acqua, succo di limone e in alcuni casi anche il miele. Questa ceretta è molto efficace ed economica, perché, grazie alla formula composta da ingredienti semplici e naturali, è anche possibile produrla con le cose che abbiamo in casa. È particolarmente indicata per le parti più sensibili del corpo, perché offre dei vantaggi non indifferenti: a differenza delle strisce depilatorie o della cera a caldo, questa ceretta si applica ad una temperatura sufficientemente bassa da impedire eventuali ustioni da calore, ma soprattutto si dice che sia meno dolorosa perché molto meno aggressiva, preservando anche i capillari. Nonostante sia così delicata, è comunque in grado di rimuovere tutti i peli superflui, ed è indicata soprattutto per aree del corpo di minore estensione. Infine, essendo un prodotto naturale al 100%, la pelle non viene in alcun modo alterata, anzi ne giova. Il miele infatti garantisce un’azione emolliente, mentre il limone ha notoriamente delle proprietà disinfettanti. Se però preferite evitare la preparazione casalinga di questa ceretta, potete sempre trovare sul mercato alcuni prodotti già pronti all’uso, anche se è sempre bene controllare la lista degli ingredienti di cui sono composti, perché molte paste contengo alcuni oli essenziali e diverse cere, ossia tutti elementi che non sono inclusi nella ricetta originale.

Epilatore elettrico, luce pulsata e laser: in realtà, prima di addentrarci nel “magico” mondo dell’epilazione laser, è giusto aprire una parentesi sui dispositivi elettrici caratterizzati da apposite testine che, a contatto con la pelle, provvedono all’eliminazione dei peli direttamente dalla radice. Un’altra parentesi va aperta sulla luce pulsata, anch’essa molto utilizzata per la depilazione intima: è la luce ad alta intensità e policromatica che, appena colpita la melanina, aumenta la temperatura ed agisce mediante il calore sui bulbi piliferi e sull’eliminazione dei peli superflui.

Parlando di depilazione, certamente tanto cara alle donne è la tecnologia laser che, con un certo numero di sedute stabilito in base alla tipologia del pelo (quindi soggettivo) ne determina la sua rimozione permanente. L’epilazione laser deve essere effettuata da professionisti del settore e, utilizzando il dispositivo, con il fascio di luce emanato si mira a colpire le cellule che danno origine al pelo, quindi indebolire la struttura del pelo, fino a farlo scomparire del tutto.

I vantaggi

La depilazione dell’inguine femminile implica una certa pulizia e ordine della zona intima e, ovviamente, oltre a questo, presenta un’altra serie di importanti vantaggi che è bene conoscere. Il primo è certamente dettato dalla possibilità di scegliere tra diverse metodologie per procedere alla depilazione intima, ognuna delle quali determina un certo effetto. Il vantaggio principale è quello di essere sempre in ordine e di godere dei benefici di una cute pulita, liscia e morbida. La depilazione dell’inguine richiede poco tempo ed è molto semplice da eseguire ma, soprattutto, è completamente indolore. Non solo, per avere una pelle perfettamente curata e pulita, non bisogna spendere grandi cifre ma con piccole somme si possono ottenere ottimi risultati, alcuni anche a lungo termine.

La depilazione dell’inguine è un’operazione chiaramente frequente ma non per questo da sottovalutare: ogni donna lo sa bene e, tra l’altro, sa anche che avere la pelle liscia e pulita è una prerogativa indispensabile della femminilità!

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su di me

Linda Tosoni

Dopo un’esperienza professionale ventennale come ostetrica ospedaliera, estetista, insegnante, consulente e titolare di un istituto di bellezza, ho deciso di creare un vero e proprio metodo per l’estetica dedicata alla donna in gravidanza.

Contattami per una prima consulenza gratuita!

 Firma Linda Tosoni

Ultimi articoli

CONSULTA IL BLOG

cerca nel sito