Stitichezza in gravidanza: cause, problematiche e rimedi

stitichezza in gravidanza
Linda Tosoni

 

Beauty Specialist

Consulenza Online

con LINDA TOSONI

Novità a partire da soli 37€

I cambiamenti del corpo nel corso della gestazione sono davvero molti e tra questi c’è né uno che può essere molto fastidioso ossia: la stitichezza in gravidanza.

La stitichezza in gravidanza è una problematica che si presenta nella maggior parte delle donne soprattutto furante il primo trimestre.

Ma come combattere la stitichezza in gravidanza? Per riuscire a risolvere questo problema, in genere ci sono diverse soluzioni da quelle alimentari fino ad alcune soluzioni naturali che agevolano il tratto intestinale. Vediamo prima quali sono le cause di questa problematica e poi in che modo curare la stitichezza.

Quali sono le cause principali della stitichezza?

La stitichezza durante il periodo della gestazione, come abbiamo accennato, è una problematica che coinvolge il corpo della donna nei primi tre mesi di gravidanza ma non solo. Infatti, è possibile che questo problema si trascini anche per tutto il periodo della gestazione.

Ma perché si diventa stitiche? Il responsabile principale della stitichezza gravidica è il progesterone ossia l’ormone che aumenta la sua produzione per riuscire ad evitare le contrazioni dell’utero, durante i mesi di gravidanza.

L’azione miorilassante del progesterone sul corpo della donna porta a diverse problematica compresa la stitichezza.

Infatti, l’azione del progesterone si estende a tutto il corpo dai muscoli, fino alla funzione gastro-esofagea e alla muscolatura intestinale portando così alla stitichezza. Inoltre, si vanno a creare anche delle problematiche che vanno a rivestire le pareti dei vasi, come la emorroidi e le vene varicose.

Diminuendo l’intensità delle contrazioni di tipo peristaltico, il progesterone porta dunque all’emissione di feci disidratate, compatte e dure che comportano problemi di stitichezza e di stipsi.

Olio gravidanza Elast-oil

Olio elasticizzante per la prevenzione di smagliature, pelle secca o che prude

Come si presenta la stipsi in gravidanza?

La stitichezza in gravidanza si presenta principalmente durante le prime settimane di gestazione, inoltre è dovuta anche a una riduzione di verdura e di frutta spesso causata dal senso di nausea mattutino o giornaliero. Sottraendo dei liquidi all’intestino si causa però una maggiore stitichezza.

Proseguendo con la gestazione dal terzo fino al quarto mese c’è un aumento di volume dell’utero che costituisce un altro ostacolo per il passaggio di queste feci. Nel corso dell’ultimo trimestre della gravidanza aumentano i livelli di aldosterone e di nuovo si rischia di incorrere nella stitichezza.

Il problema è che questo ormone porta ad un maggior assorbimento degli elettroliti e dei liquidi che vanno a rallentare il transito dell’intestino. Per questo motivo, la stitichezza non insorge in modo brusco nella gravidanza, ma si aggrava quando sopraggiunge il periodo del parto.

Le cause farmacologiche della stipsi

La stipsi gravidica potrebbe essere legata anche a delle cause farmacologiche che sono legate all’assunzione di specifici farmaci.

A causare la stitichezza potrebbero essere i farmaci a base di antiacido, a base di ferro e perfino alcuni analgesici. Questi tendono a causare un trattenimento dei liquidi e quindi a portare una maggiore stitichezza e difficoltà nel defecare.

L’acqua è molto importante per il nostro organismo e al contempo lo è l’idratazione del corpo. Ecco perché bisogna fare attenzione ad adattare la propria dieta al bisogno dell’organismo e allo stile di vita che si conduce.

Detergente intimo delicato

Delis: la soluzione quotidiana ai piccoli fastidi intimi

Come rimediare alla stitichezza in gravidanza?

Se si soffre di stitichezza è possibile comunque cercare alcuni rimedi che possano riuscire a contrastarla e migliorare il proprio livello di benessere e soprattutto di idratazione. Ma quanta acqua bere in gravidanza per riuscire a combattere la durezza delle feci? Stitichezza in gravidanza cosa mangiare per migliorare il transito intestinale?  

In effetti, i principali rimedi naturali per riuscire a combattere la stitichezza è l’assunzione di liquidi e anche la regolare alimentazione che deve contenere tutti quei micronutrienti e macronutrienti che servono a migliorare lo stato di benessere della donna in gravidanza e combattere di conseguenza le problematiche che porta la stitichezza come ventre gonfio e duro.

Cosa mangiare per combattere la stitichezza in gravidanza?

Ci sono alcuni accorgimenti che possono aiutare a contrastare la stitichezza durante il periodo della gravidanza. In primo piano, bisogna assumere cibi che siano ricchi di fibre vegetali come la cellulosa, questa si trova in quantità maggiori soprattutto all’interno della frutta secca, della verdura e dei legumi. Ed è per questo che è un alleato perfetto al contrasto della stipsi.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità sottolinea la necessità di aumentare nella propria dieta l’assunzione di alimenti a base di frumento, di crusca e di fibre come anche la manna. Naturalmente, la cosa migliore sarebbe chiedere a un nutrizionista esperto cosa mangiare in gravidanza per combattere la stipsi.  

Si possono prendere i lassativi in gravidanza?

Si può ricorrere all’uso di farmaci per combattere la stitichezza durante la gravidanza? Ricorrere ai farmaci per la stitichezza in gravidanza è riservato a quei casi in cui non hanno risposto a diversi provvedimenti che sono posti in atto quali: modifiche alimentari, dello stile di vita, assunzione di farmaci.

Ma si possono prendere i lassativi in gravidanza si o no? La risposta non è univoca per tutte le donne incinte. In quanto, solo il proprio medico curante o il ginecologo possono consigliarvi sé potete assumere dei lassativi e nel caso quali prendere o meno per non far sì che questo comporti delle problematiche alla gravidanza.

Quanto bere durante la gravidanza?

Quanta acqua bere in gravidanza? Durante il periodo della gravidanza bisogna bere molto di più e aumentare il proprio livello di idratazione.

Solo in questo modo è possibile combattere naturalmente il problema causato dalla stipsi. In genere, se non ci sono particolari problematiche bisogna bere almeno 2 litri di acqua al giorno.

Su consiglio del proprio medico però è possibile che si debba assumere un po’ più di acqua del solito, ad esempio se si assumono farmaci che causano ritenzione idrica.

In caso di difficoltà nel bere acqua, si può scegliere di assumere anche altre bevande come ad esempio le tisane, il tè verde o il tè nero senza caffeina. Inoltre, si può bere anche dell’acqua aromatizzata ad esempio con limone oppure con l’arancia.

L’importante è mantenersi sempre ben idratate soprattutto se si è in gravidanza durante il periodo estivo. Il caldo infatti, insieme alla disidratazione può causare maggiori problematiche in termini di stitichezza.

Su di me

Linda Tosoni

Dopo un’esperienza professionale ventennale come ostetrica ospedaliera, insegnante, consulente e titolare di un istituto di bellezza, ho deciso di creare un vero e proprio metodo per il benessere, dedicata alla donna in gravidanza.

Contattami per una prima consulenza gratuita!

 Firma Linda Tosoni

Scarica la mia guida gratuita

copertina guida gratuita

Ultimi articoli

CONSULTA IL BLOG

cerca nel sito

SCARICA ORA LA TUA GUIDA GRATUITA
COME PREVENIRE LA PELLE SECCA E LE SMAGLIATURE IN GRAVIDANZA
Linda Tosoni primo piano
Firmata
Linda Tosoni
copertina guida gratuita