Peli sul seno in gravidanza: le cause e i rimedi

Peli sul seno
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Linda Tosoni

Ostetrica ed Estetista

Consulenze fisiologiche e di estetica in gravidanza
Al prezzo di 80€ 47€

Il periodo della gravidanza comporta una ricca serie di squilibri ormonali e di cambiamenti di varia natura nella donna. Uno di questi può  essere rappresentato dalla comparsa di peli sul seno, un inestetismo che generalmente può essere fronteggiato senza particolari drammi  e preoccupazioni, ma che per molte donne rappresenta un vero e proprio mistero, oltre che un motivo di “vergogna” od imbarazzo.

Ma quali sono le cause dei peli sul seno? Quali rimedi possiamo adottare prontamente?

Ho cercato di affrontare questo tema nel modo più semplice nelle prossime righe. Prova a dare uno sguardo alle conclusioni  a cui sono arrivata e, se hai necessità, contattami per poter condividere qualche ulteriore riflessione!

Peli sul seno, un inconveniente della gravidanza

La prima cosa che voglio chiarire con te è l’evidenza che, la comparsa dei peli sul seno in gravidanza non è certamente un’evoluzione piacevole della propria “dolce attesa”. D’altronde, però, si tratta di un problema piuttosto diffuso, tant’è che in diverse occasioni ho già fornito alcuni utili suggerimenti su come gestire i peli in gravidanza o, sempre in relazione alla stessa parte del nostro corpo, come poter affrontare il prurito al seno in gravidanza.

Insomma, pur imbarazzanti e non certo gradevoli da vedere, i peli sul seno sono piuttosto comuni e diffusi. Ma questo non significa che le donne non provino un po’ di imbarazzo per la presenza di peli intorno ai capezzoli e spesso finiscono al centro di una serie di ricerche piuttosto interessate sul web.

Dunque, se anche tu stai sperimentando la comparsa di un’anomala peluria sul seno, intorno ai capezzoli, o tra i seni o nella zona della scollatura, sappi che sei in buona compagnia. E sappi che anche nella maggior parte dei casi questa condizione non è affatto determinata da problematiche gravi, ma può insorgere in seguito a squilibri ormonali tipici della gravidanza.

Ad ogni modo, come risulta piuttosto evidente, il fatto che si tratti di un problema molto comune non deve certamente indurti a considerare questa condizione come insormontabile o ingestibile!

Fortunatamente, infatti, esistono diversi rimedi per i peli sul seno, e molti di questi possono essere completamente fronteggiati a casa propria, scegliendo volta per volta i metodi che risultano essere più adatti per ridare la giusta bellezza a una zona molto importante del proprio corpo, oltre  che estremamente delicata, sia durante la gravidanza che, soprattutto, durante il successivo allattamento.

Cercheremo dunque nelle prossime righe di comprendere in che modo poter rimediare ai peli sul seno, con la consapevolezza che – comunque – non c’è niente di meglio che rivolgersi a un’esperta estetica che possa valutare caso per caso che cosa fare,  o se vi sia la necessità di  ricorrere a dei rimedi più complessi come i laser o la luce pulsata.

Peli sul seno cause

Introdotto quanto sopra, cerchiamo innanzitutto di comprendere perché compaiono peli sul seno durante la gravidanza. Sappi però una cosa: i peli sul  seno sono una condizione abbastanza frequente  nelle donne, anche se poche persone ne parlano apertamente. Dunque, difficilmente questo scenario può essere ricollegabile a condizioni più pregiudizievoli, come ad esempio la comparsa di patologie gravi: nella stragrande maggioranza delle ipotesi le cause dei peli sul seno in gravidanza sono invece attribuibili a quegli squilibri ormonali, particolarmente irruenti e significativi, che finiscono con il generare profondi mutamenti nel corpo delle donne.

Ad ogni modo, andiamo con ordine.

Cause ormonali dei peli sul seno

Come abbiamo già avuto modo di ricordare qualche riga fa, la maggiora parte dei casi di peli sul seno in gravidanza sono determinate da fattori ormonali e non patologici. Non ci sono – in altri termini – delle malattie sottostanti, ma solamente condizioni di eccessiva produzione di ormoni androgeni.

Insomma, quale migliore situazione della gravidanza per subire ingenti cambiamenti ormonali?

Peraltro, si tenga conto che, proprio per questo motivo, è possibile che i peli sul seno possano comparire non solamente in dolce attesa – e soprattutto nelle sue prime fasi – quanto anche in tutte quelle situazioni in cui, per altre ragioni, gli ormoni della donna vanno in tilt. Tra le ipotesi più ricorrenti c’è la pillola anticoncezionale, o ancora il ciclo mestruale, che nell’arco del tempo potrebbe favorire delle alterazioni nei livelli di ormoni.

Cause patologiche dei peli sul seno

Se è pur vero che la maggior parte delle determinanti dei peli sul seno in gravidanza sono legate proprio alla comparsa degli squilibri ormonali più volte citati nelle scorse righe, è anche vero che in una ristretta gamma di situazioni potrebbero esservi dei disturbi patologici.

Tra i più comuni in questa gamma di scenari ci sono l’ovaio policistico, che tra i suoi effetti secondari ha proprio la produzione di una eccessiva peluria sul seno. Ancora, tra le cause patologiche che potrebbero favorire una eccessiva peluria sul seno c’è la sindrome di Cushing, caratterizzata da una eccessiva produzione di cortisolo, e che a sua volta può essere favorita dall’eccessivo uso di medicinali non steroidei.

Tuttavia, anche al fine di non alimentare inutili preoccupazioni nelle lettrici, giova ricordare  che si tratta pur sempre di condizioni piuttosto rare, soprattutto se poste in raffronto con la condizione più ricorrente, legata agli squilibri ormonali.

Se tuttavia ci si rende conto che la propria peluria sul petto è particolarmente intesa e improvvisa, e se inizia a riguardare anche altre parti del corpo come il viso o il collo, allora sarà certamente opportuno contattare il proprio medico di riferimento e valutare con lui se si tratta di una condizione fisiologica attribuibile alla gravidanza, o se invece si tratta di qualche causa patologica.

Peli sul seno rimedi

A questo punto possiamo compiere un ulteriore passo in avanti in questo approfondimento sui peli sul seno in gravidanza, e cercare di capire in che modo possiamo rimediare a una situazione non certo piacevole per la donna che ne risulta essere interessata.

Evidentemente, come probabilmente stai già immaginando, la soluzione più semplice e immediata non può che essere quella legata alla rimozione dei peli, con l’utilizzo di una pinzetta. Tuttavia, questo sistema funziona bene solo per i peli delle sopracciglia, per gli altri può essere causa di peggioramento. In questo contesto, sarà dunque importante consultare un’esperto/a in epilazione per ricevere il suggerimento  circa il metodo da adottare per  non complicare la situazione.

La consulenza di un’estetista, è sicuramente il modo più opportuno  e più consigliabile di procedere con l’utilizzo dell’epilazione laser che potrà rimuovere i peli sul seno senza danneggiare la pelle che, in questa zona, è piuttosto delicata e soggetta a traumi. E’ una tecnica molto efficace, ma da evitare durante la gravidanza, sarà da rimandare a dopo il parto.

Di contro, ci sono alcuni rimedi che sconsiglio di utilizzare. Uno di questi è l’utilizzo delle lamette: per quanto possa essere tentatore il ricorso a un rasoio, ricorda che la superficie irregolare dell’areola non ti consentirà di agire con piena sicurezza mediante la tradizionale lametta, e che sarebbe dunque opportuno dimenticarsi di utilizzare questo accessorio in una zona così delicata e soggetta a irritazioni.

Per lo stesso motivo di cui sopra ti sconsiglio anche di utilizzare la crema depilatoria: le sostanze chimiche che sono contenute in questo prodotto, infatti, potrebbero risultare eccessivamente aggressive per una zona delicata come questa. Ancora, sono da mettere al bando le strisce depilatorie, così come ogni sorta di “ceretta”, soprattutto fai da te.

Peli incarniti sul seno

Infine, purtroppo può anche capitare che sul seno si presentino dei peli incarniti: si tratta di una fastidiosa condizione nella quale i peli non crescono oltre la superficie esterna della pelle, ma crescono di lato o all’indietro, senza riuscire a superare lo strato superficiale la pelle.

Anche in questo caso è meglio evitare di  procedere con la loro rimozione unitaria attraverso una pinzetta, sollecitando con aghi o strumenti appuntiti. Bisogna invece occuparsi della salute della cute e della sua normale fisiologia.  Passare sulla pelle del seno interessata dal pelo incarnito, in modo graduale, delicato e con un massaggio circolare, un prodotto esfoliate (come quelli che si usano per fare lo scrub), per poter stimolare il pelo ad uscire da solo, utilizzare la tecnica del dry brushing o spazzolatura a secco ed idratare molto bene la parte.

Conclusioni

Spero che queste righe ti siano state d’aiuto per poter migliorare la conoscenza dei peli sul seno in gravidanza e dei principali rimedi che ti consiglio di valutare per poter risolvere questo problema. Naturalmente, in caso di dubbi, parlane con il tuo medico od ostetrica di riferimento: ti permetterà di individuare la migliore soluzione per poter riacquistare un seno dalla pelle liscia ed omogenea!

Su di me

Linda Tosoni

Dopo un’esperienza professionale ventennale come ostetrica ospedaliera, estetista, insegnante, consulente e titolare di un istituto di bellezza, ho deciso di creare un vero e proprio metodo per l’estetica dedicata alla donna in gravidanza.

Contattami per una prima consulenza gratuita!

 Firma Linda Tosoni

Scarica la mia guida gratuita

copertina guida gratuita

Ultimi articoli

CONSULTA IL BLOG

cerca nel sito

Richiedi consulenza

SCARICA ORA LA TUA GUIDA GRATUITA
COME PREVENIRE LA PELLE SECCA E LE SMAGLIATURE IN GRAVIDANZA
Linda Tosoni primo piano
Firmata
copertina guida gratuita