Melissa in gravidanza: fa bene? Quando usarla e possibili controindicazioni

melissa in gravidanza
Linda Tosoni

 

Beauty Specialist

Consulenza Online 

con LINDA TOSONI 

Novità a soli 57€ 

La Melissa in gravidanza: fa bene? Perché utilizzarla? Forse ti stai ponendo questa domanda dopo che qualcuno ti ha consigliato un rimedio naturale a base di Melissa.

Bene, devi sapere che la Melissa è una pianta officinale spontanea che presenta delle ottime proprietà benefiche anche per chi è in gravidanza. La pianta nasce spontanea ed è molto diffusa in Italia, anche se si può trovare comunque già essiccata o in estratto direttamente in erboristeria.

Ma quali sono le proprietà e i vantaggi della Melissa in gravidanza? Ci possono essere controindicazioni? Lo scopriamo insieme in questa guida dedicata.

Proprietà della melissa in gravidanza

La Melissa Officinalis, nome scientifico della pianta, può essere utilizzata come rimedio naturale per diverse problematiche comprese alcune tipiche del periodo della gravidanza, ma non solo.

La Melissa è un supporto per chi soffre di problemi intestinali, frequenti in gravidanza a causa dei cambiamenti ormonali, corporei e talvolta alimentari che derivano dalla gestazione. Non è insolito che il gonfiore in gravidanza sia dovuto a un problema di digestione, alla stitichezza anche con comparsa di coliche. 

L’uso di questa piante officinale è consigliato anche per le sue proprietà spasmolitiche. Queste indicano l’azione della pianta nella riduzione degli spasmi addominali e gastrici, aiutando a mantenere una corretta motilità intestinale.

Per questo motivo, la Melissa viene consigliata in quanto è in grado di migliorare i problemi che derivano dalla stipsi e alleviare senso di nausea e vomito.

Mamy Butter

Crema corpo Mamybutter

Per la donna nelle diverse fasi della vita, in grado di:

  • proteggere dalla disidratazione cutanea
  • prevenire irritazioni e danni alla pelle
  • lenire il prurito, la secchezza e i fastidi anche intimi     

Adatta a tutte le età, in particolare nel periodo della GRAVIDANZA e menopausa

Insonnia in gravidanza rimedi? Quando si soffre di insonnia in gravidanza, sicuramente uno dei rimedi è l’uso della melissa. Grazie alle sue capacità rilassanti e sedative, aiuta a contrastare: ansia, nervosismo, irrequietezza e depressione.

Inoltre, la melissa ha spiccate caratteristiche antinfiammatorie, angiogeniche, antiossidanti e antivirali.

Sotto forma di olio essenziale può essere utile per far passare il mal di testa, qualora questo sia causato da tensioni nei muscoli del collo. Basterà prendere una noce di olio essenziale e massaggiare con olio di melissa per riuscire a ottenere un sollievo immediato.

Le controindicazioni dell’uso della melissa

Ci sono controindicazioni nell’uso della Melissa gravidanza? Come abbiamo appena visto, sono molte le proprietà benefiche che la melissa può apportare durante la gravidanza. Bisogna però sempre pensare che si tratta di un’erba, che consumata in quantità eccessive potrebbe avere delle controindicazioni. Quindi in caso di utilizzo bisogna fare sempre molta attenzione alle dosi che si assumono.

In casi di naturale predisposizione, l’uso smodato di melissa potrebbe causare eruzioni cutanee ed orticaria. Allo stesso modo dovrebbe essere evitato l’uso di questa erba officinale da parte di chi soffre di ipotiroidismo, in quanto la Melissa potrebbe peggiorare la condizione.

Anche chi soffre già di glaucoma dovrebbe limitarne l’uso, perché la melissa potrebbe far aumentare la pressione oculare, creando dei problemi alla vista.

Anche se un’erba officinale principalmente benefica, come sempre, si consiglia di consultare il proprio medico o ginecologo prima di assumerla sia in forma di tisana, tintura o di olio essenziale. Grazie al consulto medico potrai ottenere risposta a qualsiasi dubbio sull’assunzione di melissa in gravidanza.

Assunzione della melissa in gravidanza: come fare?

Abbiamo già accennato al fatto che non tutto ciò che è naturale deve per forza essere adatto a una gravidanza. Ecco perché consigliamo sempre di chiedere al proprio ginecologo, o al proprio medico, se si può assumere tranquillamente una determinata erba, o se è meglio evitare.

La melissa in ogni caso: rientra nella lista dei prodotti che si possono impiegare quando si è in dolce attesa, insieme alla malva, la camomilla, la valeriana, il tiglio, il finocchio e lo zenzero. Tutte queste erbe sono ottime per creare tisane che, rispetto al tè classico, in quanto non contengono teina, una sostanza eccitante che è invece è meglio evitare o comunque limitare durante la gestazione.

Il mezzo più comune e sicuro per assumere quest’erba officinale è sicuramente attraverso la tisana alla melissa, una delle più apprezzate, grazie anche alla sua azione sui disturbi gastrointestinali e al suo forte potere calmante.

In realtà è possibile godere dei numerosi benefici di questa pianta officinale, anche con l’eventuale uso esterno: l’olio essenziale di melissa può essere, infatti, aggiunto all’acqua prima di fare un bagno, per creare un’esperienza estremamente rilassante.

Infine, la melissa può essere utilizzata anche in cucina, come accompagnamento di alcune pietanze: è ottima infatti per insaporire alcuni alimenti come pesce, carne o insalate.

La melissa in cucina

Abbiamo parlato delle proprietà della melissa, valutando insieme se sia o meno indicata durante la gravidanza.

Quello che forse non sapevate è che questa pianta viene ampiamente utilizzata anche in campo culinario, quindi può essere un ottimo aiuto anche per seguire un regime alimentare sano, molto importante durante la gravidanza.

L’aroma della melissa è molto simile a quello del limone, è delicato e non troppo coprente, quindi si abbina molto bene ad altre erbe aromatiche, come la menta e il timo.

La sua particolarità fa sì che venga utilizzata per ammorbidire il sapore di alcuni alimenti, come la selvaggina o l’agnello, ma si abbina bene anche a minestre, insalate e al pesce. Infine, viene ampiamente utilizzata per preparazioni dolci, come marmellate, gelati, liquori o creme.

Melissa in gravidanza: fa bene? Quando usarla e possibili controindicazioni 1

Detergente gravidanza Bath A9

Detergente corpo delicato

Consigli per usare la Melissa durante la gravidanza

Per concludere questa guida dedicata a un’erba officinale ricca di benefici, ecco la ricetta perfetta per poter preparare la tisana melissa in casa.

Prima di tutto serviranno 5 grammi di foglie fresche, oppure 3 grammi di foglie essiccate.

Poi il resto del procedimento è davvero semplice: si fa bollire una tazza di acqua calda, poi a fuoco spento si lascia la melissa in infusione per circa 15 minuti.

Basterà infine filtrare il tutto e berla con calma.

Questa tisana può essere preparata al bisogno in caso di crampi addominali e problemi digestivi, ma anche per curare gli stati ansiosi, prima di andare a dormire, per conciliare il sonno, oppure dopo i pasti, al fine di aiutare la digestione.

Per quanto riguarda l’uso esterno, invece, è possibile preparare un infuso di Melissa da aggiungere all’acqua quando preparate il bagno.

Le dosi sono di 300 grammi di foglie fresche o 200 grammi di foglie essiccate per ogni litro di acqua, diluendo il composto nell’acqua della vasca, per un bagno perfetto e rilassante.

Su di me

Linda Tosoni

Dopo un’esperienza professionale ventennale come ostetrica ospedaliera, insegnante, consulente e titolare di un istituto di bellezza, ho deciso di creare un vero e proprio metodo per il benessere, dedicata alla donna in gravidanza.

Contattami per una prima consulenza gratuita!

 Firma Linda Tosoni

Scarica la mia guida gratuita

copertina guida gratuita

Ultimi articoli

CONSULTA IL BLOG

cerca nel sito

SCARICA ORA LA TUA GUIDA GRATUITA
COME PREVENIRE LA PELLE SECCA E LE SMAGLIATURE IN GRAVIDANZA
Linda Tosoni primo piano
Firmata
Linda Tosoni
copertina guida gratuita