Macchie rosse sulla pancia in gravidanza: come risolverle

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Linda Tosoni

Ostetrica 

Consulenza ostetrica e di estetica in gravidanza

A partire da soli 57€uro

Le macchie rosse sulla  pancia in gravidanza sono un’eruzione cutanea pruriginosa che compare sulla superfice addominale durante le ultime fasi della dolce attesa. Si tratta di un fenomeno piuttosto diffuso e conosciuto, in grado di determinare qualche fastidio nella donna, e che è caratterizzata da diversi livelli di intensità e di ampiezza.

Sebbene la causa esatta delle macchie rosse sulla pancia senza prurito o con prurito in gravidanza non sia esattamente nota, è invece intuibile che lo stiramento e la tensione della pelle sia un fattore scatenante dell’eruzione cutanea.

In questo approfondimento cercherò di fare il punto sulle macchie rosse sulla pancia e sulla schiena che compaiono durante la gravidanza, condividendo con te quali sono le sue caratteristiche, le cause e – evidentemente – i rimedi di questa condizione.

Macchie rosse sulla pancia, quali sono i sintomi

Iniziamo con questo viaggio sulle macchie rosse sulla pancia e schiena in gravidanza ricordano che tale eruzione cutanea in genere compare durante il terzo trimestre, e non c’è assolutamente di cui stupirsi.

Come già rammentato qualche riga fa, infatti, è lo stiramento della pelle uno dei fattori di rischio di questa condizione, e il fatto che proprio nelle ultime fasi della gravidanza il tasso di crescita del bambino sia molto rapido, soprattutto durante le ultime cinque settimane, dovrebbe lasciarti intendere quanto comune sia il fenomeno in questi frangenti.

Ancora, ti ricordo che questo fastidio è molto più probabile che si manifesti durante la prima gravidanza e durante una gravidanza multipla, dove la pelle tende a estendersi ancora di più. Non è comunque detto che tu ne debba necessariamente soffrire: alcune recenti ricerche indicano infatti che il fenomeno riguarda una stretta minoranza di donne, e che attraverso alcuni accorgimenti – ne parlerò tra breve – potrai ulteriormente contenere tale pregiudizio.

Perché compaiono le macchie rosse sulla pancia

Durante la gravidanza, a volte la pelle tende ad allungarsi più velocemente di quanto le cellule riescano a tenere il passo. Questo può causare la comparsa di smagliature e altri inestetismi, come ad esempio l’eruzione cutanea di cui parlo oggi, che può verificarsi di norma intorno alla zona dell’ombelico.

Le macchie rosse sulla pancia in gravidanza di solito hanno la loro origine sull’addome, e si diffondono alle altre estremità nel giro di pochi giorni destando un po’ di preoccupazione nella donna che improvvisamente vede il proprio pancione riempirsi di macchioline tendenzialmente rosse.

Come appaiono le macchie rosse in gravidanza

L’eruzione cutanea di cui parliamo oggi appare sotto forma di piccole macchie rosa simili a brufoli, che compaiono nelle smagliature. Assomigliano molto all’orticaria, tanto che in alcune persone questo fenomeno può essere facilmente confuso con altre forme di irritazione. In un secondo momento, invece, l’eruzione cutanea tende a riunirsi e formare aree grandi, rosse, simili a placche.

Tra le altre sfaccettature del fenomeno, ti ricordo che a volte possono formarsi anche delle vesciche intorno all’eruzione cutanea, e che le placche possono poi diffondersi dallo stomaco alle natiche, alle cosce, alle gambe e alle braccia. Tuttavia, nella stragrande maggioranza dei casi, di solito l’eruzione cutanea non si diffonde più in alto del livello del seno.

Purtroppo per te, un’eruzione cutanea di questo tipo tende ad essere molto pruriginosa, soprattutto di notte. Insieme alla pancia che cresce, può dunque influire sulla capacità di riposare bene la notte: se questo è il tuo caso, e se ritieni che la situazione ti stia sfuggendo di mano,  impattando troppo negativamente sul tuo benessere, ti consiglio naturalmente di parlarne con il tuo medico di riferimento per poter trovare insieme a lui un accorgimento che ti permetta di migliorare le tue condizioni di salute.

Come diagnosticare le macchie rosse sulla pancia

Per poter comprendere se le macchie rosse sulla pancia siano un’eruzione cutanea tipica della gravidanza o meno, il tuo medico in genere effettuerà una diagnosi visiva, senza che siano necessari ulteriori esami. Tuttavia, in caso di dubbi, il medico potrebbe richiedere alcuni test per poter escludere un’altra causa, come un’infezione fungina.

Il medico può dunque ordinare alcuni esami del sangue per escludere altre infezioni, tra cui l’emocromo completo, il test di funzionalità epatica, il cortisolo sierico, l’HCG. Si tratta tuttavia di ipotesi marginali rispetto allo scenario centrale, che vede il medico in grado di diagnosticare correttamente tale condizione solo con l’esame visivo.

Macchie rosse sulla pancia in gravidanza: come risolverle 1

Consulenza ostetrica ONLINE

GRAVIDANZA: un’ora dedicata A TE, alle tue domande, curiosità o dubbi.


Quali sono i fattori di rischio le macchie rosse in gravidanza

Anche se non si conoscono esattamente quali siano le cause delle macchie rosse in gravidanza, è noto che alcune donne sviluppano più probabilità di altre di incorrere in un’eruzione cutanea in dolce attesa. Ma per quali motivi?

Diverse ricerche concordano nel sottolineare come alcuni fattori di rischio includano la prima gravidanza, l’ipertensione arteriosa, la gravidanza multipla e l’aumento di peso rapido o superiore al normale durante la gravidanza.

Tuttavia, è bene nono saltare a conclusioni affrettate, ritenendo di essere completamente estranee al problema solo perché non si è caratterizzate da tali fattori di rischio: alcune donne sperimenteranno questa eruzione cutanea indipendentemente dagli elementi che sopra ho avuto modo di sintetizzare.

Come viene curata l’eruzione cutanea in gravidanza

La “cura” definitiva per un’eruzione cutanea è il parto!

Di solito, infatti, dopo il parto  le macchie rosse tendono a sparire entro una o due settimane. È anche vero che, però, alcune donne possono scoprire che l’eruzione cutanea persiste per alcune settimane dopo il parto, senza che questo però debba determinare in loro una particolare apprensione: la condizione di cui oggi ho parlato è infatti transitoria, e non necessita alcun tipo particolare di trattamento per la sua guarigione.

In ogni caso, se vuoi accelerare il ripristino delle ordinarie condizioni di salute della tua pelle, o vuoi prevenire il rischio di andare incontro a questi inestetismi, ci sono alcuni accorgimenti che potresti adottare.

Li ho schematizzati nei paragrafi che seguono, per poterne migliorare la leggibilità.

Creme idratanti

In primo luogo, ricorda che è possibile applicare sulla pelle delle creme idratanti e nutrienti che ripristinando la struttura cutanea possono essere in grado di alleviare il prurito e il disagio che potresti avvertire durante questa condizione. Ti consiglio di evitare le creme idratanti che hanno ingredienti che non sono adatti ai bambini, come ad esempio l’acido salicilico, il retinolo, la vitamina A, il retinil – palmitato. Bisogna inoltre fare attenzione al tipo di detergente impiegato per non alterare troppo il pH e il film idro-lipidico cutanei, veri protettori naturali.

Mamy Butter

Mamybutter M H1

Burro corpo numero 1 per la donna in gravidanza

Steroidi topici

Una crema contenente steroidi, come una crema all’1% di idrocortisone, applicata a qualsiasi area irregolare, può aiutare a ridurre il prurito. Sebbene queste creme siano in gran parte considerate innocue durante la gravidanza, è comunque opportuno controllare sempre con il tuo medico la possibilità di fruirne senza pregiudizi prima di utilizzarle. Il medico potrebbe anche scegliere di prescrivere steroidi topici che sono più forti rispetto alle concentrazioni di cui sopra, ma sempre solo ed esclusivamente aver confrontato i benefici con i rischi potenziali.

Antistaminici

Un discorso simile vale per gli antistaminici. Questi farmaci possono infatti alleviare il prurito e di norma sono molto efficaci in questo ambito, ma prima di assumerli consulta sempre il tuo medico. Esempi di farmaci che sono generalmente considerati sicuri durante la gravidanza sono la difenidramina (Benadryl) e la cetirizina (Zyrtec). Evita comunque ogni percorso fai-da-te e ricorri sempre alla consulenza del personale sanitario.

Bagni “antiprurito”

Un bagno con farina d’avena o con bicarbonato di sodio può contribuire a ridurre il prurito associato all’eruzione cutanea. In alternativa, potrebbe aiutare anche un impacco fresco e umido. Anche se può essere difficile, ti consiglio poi di evitare di grattarti l’eruzione cutanea quando possibile. In questo modo, è probabile che i sintomi dell’eruzione cutanea peggiorino.

Infine, è possibile che in alcuni casi piuttosto ristretti, e da ponderare con particolare attenzione il medico possa anche prescriverti la somministrazione di uno steroide per via orale per alleviare il dolore e il prurito associati alla condizione di cui oggi parliamo. Ma questi sono di solito prescritti per le donne che stanno vivendo gravi sintomi associati alla condizione, tra cui intenso prurito e disagio.

Macchie rosse sulla pancia in gravidanza: come risolverle 2

Hydra M H 12

Emulsione fluida ideata per idratare e nutrire la pelle più sensibile e delicata come quella del neonato. Mantiene la pelle elastica prima e dopo la gravidanza. 

Conclusioni

In conclusione, voglio anche sottolineare come sia ben possibile che il tuo bambino possa nascere con una forma lieve di eruzione cutanea, come quella sperimentata dalla mamma. Tuttavia, tieni anche conto che l’eruzione cutanea in sé non dovrebbe causare alcuna complicazione né per te né per il tuo pargolo.

Inoltre, ti invito a tenere conto – è un’altra buona notizia! – che sebbene un’eruzione cutanea come le macchie rosse in gravidanza possa essere stata presente durante l’attuale gravidanza, è probabile che l’eruzione stessa non si ripeta in una gravidanza futura, o che si ripeta in forma più lieve.

In ogni caso, se vuoi saperne di più su questo tema e sul modo con cui puoi contenere il rischio di sviluppare macchie rosse in gravidanza con i migliori prodotti in commercio, ti invito a contattarmi per una condivisione senza impegno.

Se invece ritieni che le macchie e i puntini rossi sulla pelle stiano diventando difficilmente gestibili, poiché determinano fastidi e pruriti intensi anche durante la notte, compromettendo così il tuo sonno, contatta tempestivamente il tuo medico per poter trovare insieme a lui una soluzione a questo disagio.  

Su di me

Linda Tosoni

Dopo un’esperienza professionale ventennale come ostetrica ospedaliera, estetista, insegnante, consulente e titolare di un istituto di bellezza, ho deciso di creare un vero e proprio metodo per l’estetica dedicata alla donna in gravidanza.

Contattami per una prima consulenza gratuita!

 Firma Linda Tosoni

Scarica la mia guida gratuita

copertina guida gratuita

Ultimi articoli

CONSULTA IL BLOG

cerca nel sito

SCARICA ORA LA TUA GUIDA GRATUITA
COME PREVENIRE LA PELLE SECCA E LE SMAGLIATURE IN GRAVIDANZA
Linda Tosoni primo piano
Firmata
Linda Tosoni
copertina guida gratuita