Cause e rimedi per le gambe pesanti in gravidanza

gambe pesanti in gravidanza
Linda Tosoni

 

Beauty Specialist

Consulenza Online 

con LINDA TOSONI 

Novità a soli 57€ 

Cause e rimedi per le gambe pesanti in gravidanza

Man mano che ti avvicini al termine della gravidanza, più senti accentuarsi un fastidio che accomuna tutte le donne in dolce attesa: le gambe pesanti.

Le ragioni che spiegano le gambe pesanti in gravidanza sono molteplici e buona parte di esse sono strettamente collegate ai cambiamenti fisiologici che il tuo corpo subisce. Bisogna solo fare attenzione a problemi correlati, scatenati oppure solo resi manifesti dalla gestazione.

Quando conosci le ragioni della pesantezza alle gambe, non resta che rendere il tuo stile di vita più sano. Ti spetta il compito di evitare, per lo meno, le più frequenti situazioni che andrebbero a peggiorare il fastidio agli arti inferiori : la sedentarietà, l’assunzione di poca acqua e una dieta non equilibrata.

Pesantezza gambe in gravidanza: le cause

Quando giungi al terzo trimestre di gravidanza, è più che normale avvertire la pesantezza delle gambe. A volte, si accompagna anche al formicolio dei piedi.

Il gonfiore in gravidanza è un’immediata conseguenza dell’aumento di peso: porti con te il carico del bambino, del liquido amniotico e anche il peso dell’aumento del volume ematico.

Oltre a ciò, va aggiunto un altro fenomeno del tutto fisiologico: l’ingrandimento dell’utero che ospita il feto provoca una compressione della vena cava e delle vene iliache. Qual è la conseguenza di ciò? Vai in stasi venosa, quindi il ritorno venoso negli arti inferiori rallenta ed ecco che le gambe si gonfiano.

L’edema alle gambe viene poi accentuato dagli effetti vasodilatatori degli ormoni, il progesterone e gli estrogeni. Aumenta anche la ritenzione idrica, tanto odiata dalle donne anche al di fuori della gravidanza. Niente paura, però: dopo il parto, la situazione si ristabilizza e anche il gonfiore alle gambe smette di essere un fastidio costante.

olio-gravidanza-elasticizzante

Olio gravidanza Elast-oil

Olio elasticizzante per la prevenzione di smagliature, pelle secca o che prude

Gambe gonfie in gravidanza: patologie correlate

Avere le gambe gonfie in gravidanza è quasi inevitabile, per le ragioni appena citate. Ma esistono anche dei fenomeni patologici correlati alla pesantezza degli arti inferiori.

Parliamo di malattie che causano il gonfiore, che la gravidanza risveglia, quando sono già presenti, oppure provoca. Ecco di cosa si tratta:

  • ipertensione: se causata dalla gravidanza, si definisce anche pre-eclampsia, si evince a partire dalla ventesima settimana e causa qualche problema ai reni, nonché insufficienza placentare; per fortuna, sparisce dopo circa un mese dal parto;
  • trombi: la formazione di trombi può essere causata dalla stasi venosa e dalla trombofilia, cioè dalle alterazioni dei processi di coagulazione del sangue durante la gestazione;
  • vene varicose: se si evince una predisposizione all’insufficienza venosa, oltre al gonfiore alla gambe potrebbero formarsi varici pelviche e alla vena safena, che possono anche sparire dopo il parto, ma, quando ciò non accade, richiedono un consulto medico;
  • sovraccarico cardiaco: in gravidanza può accentuarsi il vizio valvolare, cioè un’alterazione (transitoria) delle attività delle valvole del cuore;
  • ipertiroidismo: questa patologia della tiroide talvolta causa l’edema alle caviglie, per cui, se ne soffri, è probabile che accentui ulteriormente la pesantezza delle gambe.

Pesantezza gambe in gravidanza: i rimedi

Per porre rimedio alle gambe gonfie in gravidanza, puoi agire in diversi modi. Se le ultime settimane di gestazione coincidono con la stagione fredda, potresti indossare le calze a compressione graduata, di classe 1 o 2, a seconda del grado di gonfiore.

C’è anche da dire che forse il caldo estivo in gravidanza è anche più fastidioso. In generale, la vasodilatazione dovuta alle alte temperature già normalmente predispone, soprattutto le donne, alla pesantezza delle gambe. Se vai al mare durante l’estate, un toccasana è la passeggiata in acqua. Infatti, l’acqua del mare, che contiene sale, aiuta a drenare i liquidi.

In linea di principio è il movimento in gravidanza che fa bene ai muscoli di schiena e addome, ma serve anche per diminuire il gonfiore.

Può anche essere sufficiente concederti delle passeggiate ogni giorno. Se hai voglia di attività un po’ più dinamiche, puoi considerare il nuoto, l’acqua-gym e il pilates. Insomma, se è vero che l’estate e l’affaticamento agli arti ti portano ad essere più pigra, in realtà è proprio il movimento uno degli alleati più validi contro ritenzione idrica e gonfiore.

L’importante è non eccedere, ma trovare il giusto equilibrio tra attività fisica e riposo: gli sforzi eccessivi non farebbero bene né a te né al bambino.

Prima di dedicarti allo sport, consulta il tuo medico che, per una gravidanza che procede in modo regolare e senza complicazioni, potrebbe solo consigliarti di muoverti il giusto.

NOVITA'

Cause e rimedi per le gambe pesanti in gravidanza 1

Consulenza Gravidanza online

Risolvi le tue principali problematiche, chiedendo ciò di cui hai bisogno e su tutti gli argomenti che desideri 

Pensa che anche a riposo è importante tenere una postura corretta, che non aggravi il fastidio alle gambe. La regola d’oro è tenere le gambe un po’ sollevate, sia quando riposi sul divano sia quando trascorri del tempo a lavorare al pc, ad esempio.

Se il ginecologo approva, puoi regalarti lunghi momenti di relax con i massaggi drenanti. Dal terzo mese di gravidanza in poi, il linfodrenaggio ti fa bene non solo perché ti calma e ti sgonfia, ma anche perché rinforza il sistema immunitario e tonifica i muscoli, permettendoti anche di riprendere più velocemente la forma fisica dopo il parto.

Naturalmente, anche l’alimentazione contribuisce in modo significativo alla ritenzione dei liquidi. Sul bere tanta acqua non si discute: 2 litri sono il minimo, ogni giorno. Se hai difficoltà a bere l’acqua in tali quantità, prova ad assumerla in forma di tisane.

Infine, fai un piccolo sacrificio in più e rinuncia ai cibi più grassi e ricchi di zucchero, anche se sono i più golosi e invitanti. E ricorda che il sale è un nemico, purtroppo.

Le gambe dopo il parto smettono di essere più pesanti e doloranti del solito. Insomma, dopo la nascita del bambino, man mano il tuo corpo ritorna alle condizioni che hanno preceduto la gravidanza.

Può succedere che alcuni fenomeni persistano nel tempo. Per tutti, ma anche per il gonfiore alle gambe stesso, è necessario chiedere il parere del medico. Può essere necessario, se la gravidanza ha solo risvegliato una patologia “dormiente”.

Non trascurare il problema, se non va via dopo la nascita del bambino. Solo il medico può stabilire la gravità del disturbo e i modi in cui puoi intervenire per risolverlo.

Su di me

Linda Tosoni

Dopo un’esperienza professionale ventennale come ostetrica ospedaliera, insegnante, consulente e titolare di un istituto di bellezza, ho deciso di creare un vero e proprio metodo per il benessere, dedicata alla donna in gravidanza.

Contattami per una prima consulenza gratuita!

 Firma Linda Tosoni

Scarica la mia guida gratuita

copertina guida gratuita

Ultimi articoli

CONSULTA IL BLOG

cerca nel sito

SCARICA ORA LA TUA GUIDA GRATUITA
COME PREVENIRE LA PELLE SECCA E LE SMAGLIATURE IN GRAVIDANZA
Linda Tosoni primo piano
Firmata
Linda Tosoni
copertina guida gratuita