Perchè in gravidanza le creme anticellulite sono vietate e qual è la possibile alternativa

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
trattamenti estetici

Le creme anticellulite

Durante questo periodo così delicato, le trasformazioni del corpo, le alterazioni ormonali , possono portare al peggioramento o alla nuova comparsa di inestetismi come la tanto temuta, cellulite.
Tanto temuta, quanto fastidiosa, colpisce gli arti inferiori del sesso femminile e in particolare in quei distretti dove sono presenti gli adipociti, speciali cellule che rappresentano la componente di grasso nella nostra pelle.

In gravidanza esistono regole, limiti, impedimenti e anche divieti. Questo può riguardare anche la bellezza e per l’uso dei cosmetici, la regola generale è che le creme anticellulite non debbano essere utilizzate.

Non è poi tutto vero.
In generale lo scopo di un cosmetico o crema specifica anticellulite dovrebbe essere quello di:

  • attivare il metabolismo
  • attivare il drenaggio dei liquidi
  • attivare la microcircolazione sanguigna
  • che sono le problematiche che la favoriscono.

Per ottenere questo vengono normalmente utilizzate sostanze come ad esempio:
caffeina, fucus, alghe, fanghi, escina, edera o fosfatidilcolina.

Ebbene queste sostanze non si possono utilizzare in gravidanza, potrebbero entrare a contatto con circolo sanguigno e attraverso la placenta arrivare al bambino.

Non potendo utilizzare le sostanze più classiche anticellulite, si può ricorrere comunque a numerose strategie come:

Mantenere la pelle ben esfoliata, ben idratata e nutrita con abbondanti impacchi di prodotto elasticizzante.

Eseguire almeno uno scrub delicato a settimana, per togliere tutte le cellule morte che essendo trattenute in superficie fanno da barriera.

Prima di fare la doccia, eseguire su tutto il corpo, il dry brushing e cioè la spazzolatura a secco. Una tecnica molto antica che ha ritrovato largo impiego negli ultimi anni.
La spazzola con setole naturali vegetali, non rilascia nessuna sostanza, quindi adatta in gravidanza.

Si può ricorrere a massaggi drenanti, consigliabili per gli enormi benefici che si possono ottenere sia fisici che psicologici.
Devono essere eseguiti da personale esperto che conosce quali manovre è bene evitare, con quale delicatezza ed attenzione vadano praticati e soprattutto quali prodotti utilizzare.

Se questo articolo ti è piaciuto o lo ritieni interessante condividilo e potrà essere utile a qualcun’ altro.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Su di me

Linda Tosoni

Dopo un’esperienza professionale ventennale come ostetrica ospedaliera, estetista, insegnante, consulente e titolare di un istituto di bellezza, ho deciso di creare un vero e proprio metodo per l’estetica dedicata alla donna in gravidanza.

Contattami per una prima consulenza gratuita!

 Firma Linda Tosoni

Ultimi articoli

CONSULTA IL BLOG

cerca nel sito