Cosa fare dall’estetista in gravidanza e cosa evitare

estetista in gravidanza
Linda Tosoni

 

Ostetrica

e Beauty Specialist

 

Consulenza Online 

con LINDA TOSONI 

Novità a soli 47€ 

Nella fase della vita di una donna come quella dell’attesa di un bambino, si possono presentare piccoli disturbi. Molti di questi possono essere alleviati, aiutati o addirittura risolti attraverso l’impiego di cure o trattamenti offerti dall’estetista in gravidanza.
Potrebbe sembrare superfluo o meno importante rispetto a ciò a cui si pensa normalmente come: visite, ecografie ed esami in gravidanza, ma non privarsi della giusta dose di coccole e benessere anche in dolce attesa, contribuirà a vivere la propria esperienza di mamma con maggior serenità.

Cosa sapere dei trattamenti dall’estetista in gravidanza

E’ importante documentarsi e conoscere esattamente ciò che può essere offerto dall’estetista in gravidanza, cosa è possibile fare e che cosa potrebbe rappresentare un rischio o un pericolo per te o il tuo bambino. Vediamo a che cosa porre attenzione.

É necessario conoscere:

  • cosa si può fare dall’estetista in gravidanza 
  • cosa ci si può concedere dall’estetista in gravidanza
  • cosa è meglio evitare dall’estetista in gravidanza
  • cosa é vietato in gravidanza 
  • quali i possibili rischi per mamma o bebè rispetto ai trattamenti dall’estetista in gravidanza

Alcune tipiche domande che si pongono le donne durante la dolce attesa riguardano:

  • trattamenti viso in gravidanza
  • trattamenti corpo in gravidanza
  • unghie in gravidanza
  • tinture ai capelli
  • creme in gravidanza
  • trattamenti in gravidanza
  • depilazione in gravidanza
  • come prepararsi per il parto

Ecco una semplice  guida per scoprire cosa bisogna sapere, cosa verificare, cosa è meglio evitare o addirittura vietato fare dall’estetista in gravidanza.

novità-crema-per-il-corpo-mamybutter-50ml

Crema corpo Mamybutter Novità a soli 27€

La crema n 1 per la donna, in un nuovo formato!

  • protegge dalla disidratazione cutanea
  • previene irritazioni e danni alla pelle
  • lenisce il prurito, la secchezza e i fastidi anche intimi     
  • previene le smagliature

       Adatta alla donna in GRAVIDANZA

Non contiene Petrolati-Parabeni-PEG-Siliconi-Profumi-100% Naturale–Vegan OK – 50 ml

Trattamenti dall’estetista in gravidanza

Quando si scopre di essere incinta nelle prime fasi per essere sicure di non sbagliare, di non fare qualcosa di sbagliato, si opta per: “nel dubbio non faccio niente!“.

In questo particolare periodo, la cautela e la prudenza sono da preferire, ma anche se molto può essere non libero da rischi, non è detto che tutto lo sia e che non ci si possa dedicare delle attenzioni provenienti dal mondo del beauty o proposto dall’estetista in gravidanza.

Essere e sentirsi bella in questo periodo è d’obbligo e iniziamo subito col dire che: i trattamenti di bellezza non sono sconsigliati.

Se si prendono le precauzioni necessarie potrai andare tranquillamente dall’estetista in gravidanza, per goderti i tuoi soliti momenti di bellezza e benessere o addirittura iniziare con queste nuove e piacevoli esperienze.

Si sa, la gravidanza può aprire a nuove opportunità.

Questo è un periodo molto particolare e delicato nella vita di una donna ed esistono numerose linee guida riguardanti i possibili trattamenti che si possono ricevere.

I trattamenti che la donna può concedersi dall’estetista in gravidanza sono quelli che sono in grado di mantenere un rispetto totale per la pelle e per il corpo, con attenzioni particolari rivolte all’impiego di sostanze o procedure che potrebbero rappresentare un potenziale pericolo per la donna o il bambino.

Manicure e pedicure in gravidanza

La bellezza di mani e piedi rimane un appuntamento irrinunciabile dall’estetista in gravidanza.

Il piede in particolare per le trasformazioni del corpo e l’adattamento del peso in gravidanza, della postura e dei volumi, subisce numerosi cambiamenti. In alcuni casi può verificarsi, presso il termine di gravidanza l’incremento di 2 o 3 numeri della taglia del piede e quindi la loro cura è necessaria per il benessere generale del corpo. Inoltre le difficolta nei movimenti possono impedire la possibilità di curarsi i piedi da sole ed è necessario un’aiuto. La pedicure professionale sarà sicuramente gradita anche vista come coccola per il massaggio del piede che viene di solito praticato durante l’esecuzione dall’estetista in gravidanza.

Non si esclude la possibilità di applicare lo smalto sia per piedi che per mani in gravidanza.
Nel caso, consiglierei l’utilizzo solo di prodotti che garantiscono l’assenza di sostanze pericolose, nei propri ingredienti, come solventi, formaldeide, toluene, ftalati (in particolare dibutilftalato) potenzialmente tossici. Raramente sono presenti queste sostanze negli smalti, ma è bene che l’operatore verifichi l’eventuale presenza all’interno dei cosmetici.

Ricostruzione delle unghie in gravidanza

Sconsiglio la ricostruzione delle unghie in gravidanza e l’applicazione di gel o smalto semi-permanente, perché potrebbero fornire problematiche durante l’applicazione (inalazione di sostanze volatili) e soprattutto nel caso si dovesse verificare un ricovero in ospedale.

Qualora dovesse verificarsi un intervento chirurgico o anche durante il travaglio di parto la presenza di questi materiali sulle unghie potrebbero non consentire l’adeguata verifica del benessere della donna attraverso la valutazione delle unghie. Le pratiche di rimozione di questi materiali possono non essere semplici e tantomeno rapide, quindi meglio evitare la loro applicazione in particolare nel terzo trimestre di gravidanza.

Depilazione dall’estetista in gravidanza o fai da te

Per quanto riguarda l’epilazione e come gestire i peli in gravidanza, a parte le metodiche con apparecchiature come laser o luce pulsata che non sono da evitare, via libera a ceretta e rasoio. Mi raccomando evitare il fai da te, con il rischio di scottarsi con la cera o peggio di ferirsi durante la rasatura. In particolare per l’inguine in gravidanza in cui l’esecuzione può non essere facile per la ridotta libertà nei movimenti impedita dalla presenza del pancione. Meglio rivolgersi ad una brava estetista in gravidanza che saprà gestire  alla perfezione.
Altro metodo per la rimozione dei peli in gravidanza da evitare, è l’impiego della crema epilatoria. Può rappresentare non pochi rischi legati alla sua composizione chimica. Applicata direttamente sulla pelle potrebbe creare irritazioni anche importanti.

Trattamenti dall’estetista in gravidanza con apparecchiature

Per quanto riguarda i trattamenti estetici per viso e corpo, le apparecchiature che sfruttano l’azione di ultrasuoni, elettro stimolatori o correnti di ogni tipo, sono sconsigliate.

Ultrasuoni estetici in gravidanza

Se vai dall’estetista in gravidanza ricorda che l’utilizzo di apparecchiature che impiegano ultrasuoni estetici in gravidanza sono vietate come tutti i macchinari che emettono qualsiasi tipo di onda o corrente come radiofrequenza e cavitazione. Sono trattamenti che ritornerai a poter ricevere dopo il parto.

Pressoterapia in gravidanza

L’unica apparecchiatura concessa durante la dolce attesa é la pressoterapia in gravidanza, ideale  per le gambe gonfie e con problemi della circolazione del sangue. Va impiegata con potenza e pressione moderate. Se utilizzata per tempi ridotti, escludendo la parte della pancia, in gravidanza risulta un trattamento molto valido e generalmente molto gradito da fare dall’estetista in gravidanza.

Lampada in gravidanza

No ad abbronzatura artificiale, peraltro vietata dalla legge da molti anni. La non possibilità di esporsi a sedute di lampada in gravidanza nasce dal pericolo che la pelle modificandosi per l’azione degli ormoni, ha una sensibilità maggiore nei confronti dei raggi ultravioletti e solari. Vi è un’aumento della melanina e quindi si è esposte allo sviluppo di macchie della pelle in gravidanza.
Va inoltre tenuto presente che l’esposizione
al sole naturale dovrà essere effettuata con moderazione, limitandosi ad orari meno caldi, applicando protezioni solari a filtro alto ( Spa 30-50, per preservare la pelle da disidratazione, danni o macchie in gravidanza.

Idromassaggio in gravidanza

L’idromassaggio in gravidanza è assolutamente sconsigliato.

Potrebbe sembrare un controsenso che un bagno rilassante con getti di aria che in acqua regalano un meraviglioso massaggio al corpo se in gravidanza, sia da evitare.

Vi spiego subito per quale motivo!

In realtà l’idromassaggio in gravidanza potrebbe effettivamente essere gradito dalla donna e anche molto, ma al feto il rumore generato da questa metodica invece, potrebbe dare molto fastidio. I suoni vengono veicolati e trasmessi meglio in acqua rispetto all’aria. L’acqua è l’elemento in cui il feto è immerso rappresentato dal liquido amniotico e per questo potrebbe esserne disturbato.

Quindi si ad un bagno in vasca ristoratore, ma senza idromassaggio. Ricordo inoltre che l’acqua non deve mai raggiungere temperature troppo elevate.

Cosmetici in gravidanza

I cosmetici in gravidanza si possono utilizzare, anzi in alcuni casi possono rappresentare un aiuto concreto per far fronte a diverse problematiche che possono interessare il corpo e la pelle della donna in gravidanza. Mi riferisco ad alcuni aspetti generati dalle alterazioni ormonali e dalle modificazioni dell’organismo che possono portare a:

  • perdita di elasticità della pelle in gravidanza
  • secchezza della pelle in gravidanza
  • disidratazione della pelle in gravidanza
  • cloasma gravidico
  • macchie della pelle in gravidanza
  • prurito al seno in gravidanza
  • prurito alla pancia in gravidanza
  • prurito all’ombelico in gravidanza
  • gambe gonfie e pesanti
  • ritenzione idrica
  • mani e piedi gonfi in gravidanza

Ecco perché ogni donna potrà e dovrà utilizzare cosmetici purché formulati appositamente per la gravidanza. Rispettosi delle sue nuove caratteristiche e che potrà utilizzare con tutta tranquillità e sicurezza vino al parto e durante l’allattamento.

Andrà incrementata l’applicazione di prodotti cosmetici in gravidanza emollienti, nutrienti, antiossidanti ed elasticizzanti per la bellezza della pelle o per prevenire inestetismi come le smagliature, le macchie e i pruriti.
Saranno da evitare cosmetici per il viso contenenti retinolo, agenti esfolianti troppo aggressivi, oli essenziali se non ben conosciuti e tutto ciò che potrebbe esercitare un’effetto troppo aggressivo o potenzialmente irritante o potenzialmente allergizzante per la pelle.

Si a ingredienti naturali come i burri e gli oli vegetali, le vitamine e l’acido jaluronico.

Creme anticellulite in gravidanza

In gravidanza sono da evitare cosmetici i cui ingredienti possono agire sul metabolismo come ormoni tiroidei, derivati dello iodio, le alghe, alcuni fanghi, la caffeina. Queste sostanze sono presenti nella maggior parte dei prodotti anticellulite, ecco perché è bene non applicare i propri cosmetici abituali, ma chiedere un consulto su ciò che si può applicare ad un professionista che si occupa di gravidanza.

Promo: Crema elasticizzante Mamybutter + Protezione solare Sun L

Promo: Crema elasticizzante + Protezione solare

Kit per una pelle sana, morbida e luminosa  ad un PREZZO SPECIALE per:

  • proteggere dalla disidratazione cutanea
  • prevenire irritazioni e danni alla pelle 
  • lenire il prurito, la secchezza , riducendo i danni causati anche da freddo e sole

Capelli in gravidanza

I capelli in gravidanza diventano più belli, più luminosi e solo raramente si assiste ad un peggioramento con produzione di sebo in eccesso, con la comparsa di capelli grassi che si sporcano facilmente o che presentano problematiche di caduta. Esiste un meccanismo particolare in cui i capelli in gravidanza possono diradarsi ma più facilmente riducono il meccanismo di caduta. La perdita di capelli in gravidanza si potrà presentare più facilmente dopo il parto  e in allattamento. Si potrà intervenire mantenendo in  equilibrio il cuoio capelluto, con trattamenti detossinanti.

Balsamo e Shampoo in gravidanza

I cosmetici per i capelli in gravidanza dovrebbero seguire le medesime regole di sicurezza previste per quelli dedicati alla skincare di viso e corpo. Come per la pelle, anche i capelli hanno bisogno di attenzioni e di prodotti specifici per ogni tipo di esigenza senza escludere il benessere del cuoio capelluto. In particolare va posta attenzione alla formula, alla qualità degli ingredienti e per i detergenti, al tipo di tensioattivi presente che non deve essere troppo aggressivo.

Tinta in gravidanza

Per la bellezza dei capelli e per chi ha necessità di ricorrere alla tinta in gravidanza, fare attenzione che non sia presente ammoniaca, resorcina, nichel e parafenilendiamina e che la distribuzione del prodotto non avvenga direttamente sulla cute, ma solo sulle lunghezze o su singole ciocche. Sarà meno facile che il prodotto venga assorbito dal cuoio capelluto evitando inutili rischi.
Nel caso ci fosse la necessità di coprire eventuali capelli bianchi in gravidanza è possibile utilizzare tinture naturali come l’henné. Il risultato di copertura dei capelli bianchi non sarà perfetto, ma sicuro. In particolare evitare le tinture dei capelli  nel primo trimestre di gravidanza.

Cosa non fare dal parrucchiere in gravidanza

Oltre all’attenzione nell’impiego di tinte ai capelli in gravidanza, sarebbe opportuno evitare trattamenti in cui vengono impiegate sostanze chimiche come per la permanente o la stiratura, sia perché possono essere liberate delle sostanze volatili nell’ambiente che si possono inalare e per i possibili rischi se assorbite dal cuoio capelluto.

In ogni caso nel dubbio su cosa sia consentito in gravidanza, la regola generale da osservare è ‘IL BUON SENSO’, un’aspetto che ti aiuterà molto anche nella gestione del bimbo una volta nato.

Su di me

Linda Tosoni

Dopo un’esperienza professionale ventennale come ostetrica ospedaliera, insegnante, consulente e titolare di un istituto di bellezza, ho deciso di creare un vero e proprio metodo per il benessere, dedicata alla donna in gravidanza.

Contattami per una prima consulenza gratuita!

 Firma Linda Tosoni

Scarica la mia guida gratuita

copertina guida gratuita

Ultimi articoli

CONSULTA IL BLOG

cerca nel sito