Caffè decaffeinato gravidanza: quanto se ne può bere? E quali le alternative?

caffè decaffeinato gravidanza
Linda Tosoni

 

Ostetrica

e Beauty Specialist

 

Consulenza Online 

con LINDA TOSONI 

Novità a soli 57€ 

Caffè decaffeinato gravidanza: si può bere? E quanti caffè al giorno si possono consumare? La gravidanza è uno stato fisiologico speciale, durante il quale una donna deve porre attenzione all’assunzione di alcune bevande e alimenti che potrebbero indurre a un rischio della salute della gestante oppure del bambino.

Durante questo periodo, dal punto di vista nutrizionale, in genere viene consigliato di assumere i macro e micronutrienti che sono necessari sia allo sviluppo del bambino sia al mantenimento della gestante e vige anche il divieto di introdurre delle sostanze “nocive”. Tra le sostanze nocive se assunte in eccesso c’è la caffeina.

L’eccesso di caffeina, infatti, può indurre delle problematiche sia alla mamma sia allo sviluppo del bambino. Ecco perché bisogna consumarlo con molta moderazione, anche quando si parla di caffè decaffeinato in gravidanza.

Ma scopriamo di più sul rapporto tra il caffè e la gravidanza e quali sono le bevande che si possono bere durante il periodo della gestazione.  

Caffè decaffeinato gravidanza: si può bere?

Si può bere il caffè decaffeinato in gravidanza? In genere, la riduzione o eliminazione della caffeina durante la dieta nel corso della gestazione è consigliato dai medici e dai ginecologi. Ma quanto caffè decaffeinato è possibile consumare?

In realtà, non sono state stabilite delle linee guide ufficiali che consigliano quanto caffè senza caffeina è possibile bere o meno. Tuttavia, anche se il caffè decaffeinato contiene meno caffeina, in realtà né contiene sempre un po’ in minima parte.

Crema colorata solare Bronze

Crema colorata solare Bronze

Protegge il tuo viso dalle macchie solari e dalle scottature con una BB Cream, applicata come un make-up dona uniformità al volto.

Adatta in gravidanza.

Protezione dai raggi UVA, UVB con un spf 50

E nel caso in cui si esageri con le tazze di deca, si rischia comunque di assumere troppa caffeina. Per legge, il decaffeinato è una bevanda che prevede la rimozione almeno il 97% della caffeina presente all’interno dei chicchi durante il processo di lavorazione.

Questo vuol dire che ne resta comunque una piccola dose di caffeina all’interno dei chicchi. In genere se si assumono 250 ml di caffè decaffeinato è possibile che questo contenga all’incirca 2,5 mg di caffeina.

Un’altra cosa da considerare è la presenza all’interno dei chicchi di caffè decaffeinati di solventi chimici. Infatti, non bisogna esagerare con l’assunzione di questa bevanda in quanto il procedimento per togliere caffeina dai chicchi prevede l’impiego di quantità eccessive di solventi chimici che sono necessari per la sua estrazione.

I solventi, in genere, sono eliminati in parte durante il processo per la torrefazione dei chicchi di caffè, però né rimane sempre una piccolissima traccia.

E durante l’allattamento? Il caffè decaffeinato durante l’allattamento può essere bevuto? In genere, la caffeina viene passata durante l’allattamento al bambino in una percentuale pari all’1,1% e viene assimilata dal piccolo tra le una e le tre ore. Dunque, si può bere una tazzina di caffè senza caffeina lontano dalla poppata senza causare insonnia o irritabilità nel neonato.

Quanta caffeina si può assumere durante la gravidanza?

Quanta caffeina è possibile assumere durante la gravidanza? Ma a quanto ammonta la dose massima raccomandabile di caffè da bere in gravidanza? La dose corretto è difficile da stabilire specie durante la gravidanza.

Ad esempio, una donna dovrebbe assumere al massimo 4 mg di caffeina per peso corporeo. Questo vuol dire che una donna di circa 70 kg può consumare fino a 3 tazzine di caffè al giorno anche non decaffeinato.

Altre fonti, consigliano invece una dose di caffeina che corrisponde a circa 2 tazze di caffè al giorno. Bisogna considerare che si possono bere queste tazzine di caffè solo se non si assumo altre bevande che contengono caffeina.

Infatti, non solo il caffè, ma ci sono anche altre bevande che contengono caffeina come: la coca cola, il tè nero, il tè verde, la cioccolata. Quindi, bisogna fare attenzione assumere troppo caffè insieme a tutti gli altri alimenti e bevande che contengono dosi elevate di caffeina.

Caffè decaffeinato gravidanza: quanto se ne può bere? E quali le alternative? 1

Crema corpo in gravidanza lenitiva H12

Emulsione fluida ideata per idratare e nutrire la pelle più sensibile e delicata come quella del neonato. Mantiene la pelle elastica prima e dopo la gravidanza. 

Perché il caffè è sconsigliato durante la gravidanza?

In molti consigliano il caffè decaffeinato gravidanza proprio per evitare di far assumere alle future mamme una dose eccessiva di caffeina durante il giorno. Gli studi del rapporto tra il caffè e la gravidanza ha visto numerosi studi nel corso del tempo.

Alcuni studi sottolineano che è possibile assumere fino a ben 400 mg di caffeina al giorno, altri però definiscono che sarebbe meglio assumerne circa 200 mg.

In genere, si consiglia di chiedere al proprio medico o ginecologo, oppure a un nutrizionista la dose di caffè da poter assumere durante il periodo della gravidanza. Il motivo è dato dal fatto che se si assume troppa caffeina è possibile avere dei problemi di salute quali: ad esempio l’aumento del rischio dell’aborto spontaneo e un basso peso del nascituro.

Quindi per essere certi di evitare queste problematiche, alcuni dottori consigliano di limitarsi al consumo di una tazzina di caffè al giorno.

Ma il caffè può portare davvero al rischio di aborto? Il rapporto tra dosi eccessive di caffeina e aborto è stato studiato attraverso un’analisi che è stata svolta durante il 2008 e che ha evidenziato come il consumo di circa 200 mg di caffeina al giorno potrebbe portare al rischio di un aborto spontaneo il doppio rispetto alle gestanti che non assumono caffè.

Anche dopo questo studio però non ci sono delle certezze assolute sul fatto che questo rischio possa essere associato realmente a un elevato apporto di caffeina, ma potrebbero esserci delle cause concatenate al consumo di caffeina come una cattiva alimentazione, lo stress o l’abuso di alcol.

Caffè d’orzo o ginseng in gravidanza: consigli

Se bisogna evitare il caffè espresso tradizionale, cosa si dice sul consumo di caffè ginseng in gravidanza oppure dell’orzo? Il caffè d’orzo in gravidanza è un’alternativa a quello tradizionale ed è una bevanda consigliata in quanto: favorisce le funzioni digestive, antinfiammatorie, e dunque può essere consumato tranquillamente.

Il caffè ginseng in gravidanza? Il caffè ginseng in gravidanza è sempre più apprezzato e popolare a differenza di quello tradizionale. Ma si può bere il ginseng? Anche con il ginseng è meglio non esagerare in quanto contiene un’eccessiva dose di ingredienti tra i quali anche lo zucchero. Inoltre, contiene caffeina, quindi non è un buon sostituto del caffè tradizionale.

Infine, al posto del caffè, è possibile scegliere di consumare le tisane in gravidanza che sono ottimali per migliorare le capacità digestive e il benessere dell’organismo.

Su di me

Linda Tosoni

Dopo un’esperienza professionale ventennale come ostetrica ospedaliera, insegnante, consulente e titolare di un istituto di bellezza, ho deciso di creare un vero e proprio metodo per il benessere, dedicata alla donna in gravidanza.

Contattami per una prima consulenza gratuita!

 Firma Linda Tosoni

Scarica la mia guida gratuita

copertina guida gratuita

Ultimi articoli

CONSULTA IL BLOG

cerca nel sito

SCARICA ORA LA TUA GUIDA GRATUITA
COME PREVENIRE LA PELLE SECCA E LE SMAGLIATURE IN GRAVIDANZA
Linda Tosoni primo piano
Firmata
Linda Tosoni
copertina guida gratuita