Tinta capelli in gravidanza: quando si può fare? E quali colori scegliere?

tinta capelli in gravidanza
Linda Tosoni

 

Beauty Specialist

Consulenza Online

con LINDA TOSONI

Novità a partire da soli 37€

La tinta capelli in gravidanza si può fare? Questa è sicuramente una delle domande che le donne si pongono più spesso quando sono in attesa. Oggi che sia per semplice voglia di sentirsi più belle o per necessità al fine di coprire i capelli bianchi, fare la tinta è molto comune.

Ma come sentirsi belle in gravidanza se non si può fare più la tinta? Si possono tingere i capelli in gravidanza? Lo vediamo insieme in questa guida che risponderà ai quesiti più posti quando si tratta di colorare capelli in gravidanza.

Tinta capelli in gravidanza: cosa dicono i medici?

Il parere del medico e dei ginecologi è quello di evitare la tinta durante la gravidanza. Questo perché la cute è una zona che tende ad assorbire facilmente tutto ciò che gli viene apposto sopra, comprese le sostanze chimiche che sono presenti nella tinta e che possono di conseguenza essere poi trasmesse al feto.

Quindi i medici in genere consigliano di evitare le tinte per capelli soprattutto durante i primi tre mesi. Questo perché durante le prime dodici settimane è il periodo più delicato, in cui il feto si sta formando, si stanno sviluppando gli organi attraverso l’organogenesi che avverrà per tutte le prime 20 settimane di gestazione.

Dunque, per sicurezza anche se si vuole fare una tinta naturale, sarebbe consigliabile attendere almeno la metà della gravidanza stessa.

Olio gravidanza Elast-oil

Olio elasticizzante per la prevenzione di smagliature, pelle secca o che prude

Come fare la tinta in gravidanza dal parrucchiere?

La tinta dal parrucchiere si può fare in gravidanza? Bisogna sottolineare che molti parrucchieri per non rischiare problematiche non fanno le tinte alle donne in gravidanza. Infatti, i professionisti spesso si preoccupano di incorrere in future cause con le clienti incinta e per questo motivo rifiutano a priori di applicare la tinta a chi è in stato interessante.

È possibile però trovare qualche parrucchiere esperto che applica le tinte anche alle donne in gravidanza. Ma di cosa accertarsi quando ci si affida a questi professionisti? Semplice, bisogna rendere noto di essere incinta e chiedere di ricevere una tinta naturale, con il minimo di sostanze chimiche e comunque senza la presenza di ammoniaca.

Si può fare la tinta in casa durante la gravidanza?

Se non volete andare dal parrucchiere o non avete trovato un professionista che vi ispiri la giusta fiducia potete scegliere anche di fare la tinta in casa durante la gravidanza. Certo in questo caso bisogna fare molta accortezza al fine di non utilizzare componenti chimici che possano penetrare nel cuoio capelluto.

Il primo passo è scegliere una colorazione che non presenti ammoniaca come dicevamo e che non contenga ingredienti chimici come la parafenilendiamina o PFD e la resorcina che possono essere dannosi per lo sviluppo del feto.

Oggi in commercio ci sono diversi prodotti naturali che si possono acquistare in erboristeria, in farmacia oppure nei negozi di estetica che presentano un’ampia scelta di tinte naturali, da poter fare anche durante la gravidanza.

Se non si hanno i capelli bianchi o comunque sono pochi, è possibile anche scegliere al posto della tinta, una maschera riflessante naturale e senza ammoniaca che aiuta ad uniformare il colore senza bisogno di tingere i capelli.

Quali precauzioni prendere quando si fa la tinta in gravidanza a casa

Se avete scelto di fare una tinta fai da te a casa durante la gravidanza, il consiglio è di porre comunque molta attenzione durante il procedimento, anche se si tratta di colorazioni senza ammoniaca e a base di ingredienti per lo più naturali.

Se è possibile sarebbe meglio fare la tinta sempre in compagnia di qualcuno. In questo modo, se si avvertono sensazioni come nausea oppure giramenti di testa si avrà una persona pronta ad aiutarvi e intervenire immediatamente.

Quando si è sensibili agli odori della tinta è meglio farla in un ambiente arieggiato. Quindi bisogna aprire le finestre e lasciare che non si crei un ambiente troppo viziato che potrebbe aumentare eventuali sensazioni di nausea e fastidio.

Infine, se la cute è escoriata è meglio evitare di fare la tinta anche in casa e senza ammoniaca. Infatti, quando la cute non si presenta sana e integra, è possibile che si avverta un forte prurito o bruciore sul capo, quindi sarebbe meglio evitare di fare qualunque tipo di colorazione.

Crema corpo in gravidanza lenitiva H12

Emulsione fluida ideata per idratare e nutrire la pelle più sensibile e delicata come quella del neonato. Mantiene la pelle elastica prima e dopo la gravidanza. 

Si possono decolorare i capelli in gravidanza?

Purtroppo non esiste un decolorante privo di sostanze e agenti chimici che possa essere libero da rischi. Per questo motivo in gravidanza non è assolutamente consigliato decolorare il capo per schiarire i capelli.

L’unica alternativa che si può provare è fare le meches o un balayage che non prevede l’uso dello schiarente direttamente sul cuoio capelluto, ma solo sulle lunghezze.

Infatti, le lunghezze possono essere trattate tranquillamente anche quando si è incinta, l’importante è non applicare il decolorante direttamente sulla base della testa, dove il cuoio capelluto può assorbire gli agenti chimici utilizzati.

Naturalmente, bisogna considerare che l’odore del decolorante è molto forte, quindi anche se non si applica direttamente sulla cute, potrebbe dare dei fastidi soprattutto se si è ancora alle prese con le nausee mattutine.

Henné in gravidanza: un’alternativa alla tinta

Infine, una soluzione che si può adottare per coprire i capelli bianchi ed evitare di utilizzare tinte che contengano componenti chimici dannosi è l’hennè in gravidanza.

L’hennè è un prodotto completamente naturale che non presenta alcun effetto collaterale e che può essere applicato anche sulla cute della testa senza problemi per la mamma o il feto. Quindi se volete coprire i capelli bianchi o cambiare colore in modo sicuro una soluzione può essere rappresentata proprio dall’henné.

Attenzione solo alla provenienza e agli aspetti qualitativi, perché non devono essere presenti nei composti, altre sostanze potenzialmente pericolose, che possano creare reazioni o allergie.

Colorare i capelli con maschere naturali

Infine, un’altra soluzione per schiarire o colorare i capelli è rappresentata dalle maschere da creare in casa con ingredienti completamente naturali.

Ad esempio, si possono fare degli impacchi con la camomilla per preservare la bellezza e brillantezza del biondo e per riuscire a rendere i capelli più luminosi e morbidi. Non solo, a lungo andare gli impacchi con la camomilla tendono a schiarire i capelli.

Chi ha i capelli scuri invece può fare delle maschere con i fondi di caffè oppure con il cacao. Entrambi, infatti, rendono i capelli castani leggermente più scuri e aiutano ad avere una capigliatura più brillante e sana.

Naturalmente, questi sono rimedi consigliati solo per chi vuole preservare il colore, in quanto difficilmente funzionano per coprire i capelli bianchi.

Su di me

Linda Tosoni

Dopo un’esperienza professionale ventennale come ostetrica ospedaliera, insegnante, consulente e titolare di un istituto di bellezza, ho deciso di creare un vero e proprio metodo per il benessere, dedicata alla donna in gravidanza.

Contattami per una prima consulenza gratuita!

 Firma Linda Tosoni

Scarica la mia guida gratuita

copertina guida gratuita

Ultimi articoli

CONSULTA IL BLOG

cerca nel sito

SCARICA ORA LA TUA GUIDA GRATUITA
COME PREVENIRE LA PELLE SECCA E LE SMAGLIATURE IN GRAVIDANZA
Linda Tosoni primo piano
Firmata
Linda Tosoni
copertina guida gratuita