Come dormire bene in gravidanza: I consigli di Linda Tosoni

Come dormire bene
Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Linda Tosoni

Ostetrica ed Estetista

Consulenze fisiologiche e di estetica in gravidanza
Al prezzo di 80€ 47€

Dormire bene in gravidanza può essere una vera e propria impresa, soprattutto nelle ultime settimane di questa dolce attesa. D’altronde, con le dimensioni del pancione che hanno raggiunto la massima ampiezza… è piuttosto arduo cercare di destreggiarsi nel letto alla ricerca di una posizione comoda!

Insomma, tra il rischio di mal di schiena da una parte, e la necessità di salvaguardare la salute del piccolo dall’altra, la mamma che vorrebbe dormire in gravidanza per potersi assicurare un buon sonno ristoratore corre il serio pericolo che tutto ciò rimanga solamente una utopia.

Ad ogni modo, è bene non disperarsi. Nelle prossime righe ho infatti cercato di fare il punto su questo argomento, condividendo con te e con tutte le mie lettrici alcuni spunti per scoprire come favorire il riposo naturale in gravidanza, allontanando acciacchi, pregiudizi e guai per sé stesse e per il nascituro.

Ti consiglio dunque di ritagliarti qualche minuto di tempo per poter leggere fino in fondo questo approfondimento e, se ti va, lasciare un commento per poter condividere con tutte le lettrici la tua esperienza e qualche suggerimento “diretto” su come dormire bene durante questo magico periodo o su come affrontare la sonnolenza in gravidanza!

Come dormire bene in gravidanza: a cosa prestare attenzione

Chiariamolo subito: trovare un modo per poter riposare bene in gravidanza può essere molto, molto complicato!

Oltre al pancione che inizia a divenire scarsamente gestibile, infatti, la donna che desidera assumere una posizione corretta per dormire in gravidanza deve fare i conti con una lunga serie di condizioni di fastidio e di disagio che tradizionalmente accompagnano questa parte della propria vita. Si pensi ai bruciori di stomaco, alle nausee, ai dolori agli arti inferiori, e così via.

Purtroppo, poi, non è solamente la ricerca di una giusta posizione da assumere a letto in gravidanza a influenzare la bontà del riposo, quanto anche la qualità dei cuscini e quella dei materassi, la temperatura della stanza e il regime alimentare che si assume.

Dormire in gravidanza: l’importanza dell’alimentazione

Quando si tratta di cercare informazioni online su “dormire gravidanza” / “gravidanza dormire” (giusto per citare alcune chiavi di ricerca più comuni su Google), raramente si finisce con l’imbattersi in suggerimenti chiari ed espliciti su cosa si debba o non si debba mangiare. Eppure, la dieta è un elemento che può influenzare in maniera davvero significativa la possibilità di poter arrivare o meno a un lauto riposo!

Ricorda infatti che la gravidanza – ne abbiamo parlato tantissime volte su queste pagine – implica in sé dei profondi sbalzi ormonali che potrebbero impattare sul desiderio di cibo, facendo desiderare l’assunzione di alimenti che, magari, fino ad allora non erano certo nelle proprie preferenze. È altrettanto vero che, proprio a causa di queste “voglie”, la donna in gravidanza è spesso portata a mangiare a qualsiasi ora del giorno e della notte, in modo disordinato, pur di soddisfare le proprie ambizioni culinarie.

Ebbene, cerchiamo di chiarire subito un aspetto essenziale: il sonno non può che risentire di questo disordine, soprattutto se si finisce con l’avere la brutta abitudine di fare degli spuntini a notte fonda.

La donna incinta dovrebbe invece cercare di tenere a bada questi desideri, adottando invece un’alimentazione equilibrata e bilanciata, da condividere con il proprio medico.

In particolare, il regime alimentare che viene richiesto alla donna in gravidanza dovrebbe comprendere tutti i nutrienti necessari per la propria salute e per quella del proprio bimbo. Risulta ad esempio molto utile cercare di assicurarsi di poter disporre di un cospicuo apporto di sali minerali, come il magnesio, e di vitamine, come la vitamina B, al fine di contrastare crampi e dolori muscolari che spesso insorgono durante le ore notturne e rovinano il sonno.

La temperatura della stanza

Altro fattore piuttosto importante che la donna in gravidanza dovrebbe tenere in considerazione per poter trovare il giusto relax notturno è quello legato alla temperatura della stanza in cui si riposa.

Tieni conto che durante la dolce attesa la futura mamma tende a soffrire di più il caldo, e che dunque – soprattutto durante le ore notturne – richiederà un soggiorno in un ambiente fresco, soprattutto se la parte finale della gravidanza si concentra nell’estate.

Proprio per questo motivo è bene cercare di riposare in un luogo climatizzato, evitando però di esporsi alla diretta corrente generata dall’impianto di raffreddamento o del ventilatore, poiché tali flussi d’aria potrebbero far insorgere dei raffreddori e altri problemi di salute che non potrebbero essere fronteggiati con i consueti farmaci, considerato che durante la gravidanza bisognerebbe evitare di assumere qualsiasi medicinale.

Per quanto poi concerne l’umidità, è generalmente consigliabile un ambiente con un livello equilibrato, non troppo secco (< 20%) ma nemmeno troppo umido (> 60%).

Posizioni per dormire in gravidanza

A questo punto, probabilmente, ti starai chiedendo quali siano le migliori posizioni per dormire in gravidanza, e quali invece le posizioni da evitare.

Nelle prossime righe ho cercato di affrontare questo tema individuando le specifiche posizioni, da commentare brevemente per poterti chiarire perché dovresti (o non dovresti!) adottarle.

Dormire in gravidanza a pancia in giù

Molte donne in gravidanza ritengono che dormire a pancia in giù potrebbe essere pericoloso per la salute del nascituro. Diciamo subito che si tratta di una… mezza verità. Sebbene sia vero che non si tratta della posizione più confortevole per il piccolo, è tuttavia difficile che il feto possa essere “schiacciato”, considerato che è abbastanza protetto dalla “pancia”.

In ogni caso, questa posizione si rivela essere impraticabile, oltre che sconsigliabile. Man mano che il pancione cresce di dimensione, difficilmente la donna riuscirà a gestire i propri movimenti fino a poter dormire a pancia in giù (cosa che, in buona sostanza, potrebbe crearle dei problemi alla schiena abbastanza importanti. Meglio allora accantonare questo tipo di posizione!

Dormire in gravidanza a pancia in su

E che dire del dormire in gravidanza a pancia in su? La risposta è semplice: è forse la posizione che dovresti evitare maggiormente!

Le motivazioni sono piuttosto numerose. In primo luogo, stiamo parlando di una posizione che – come ci confermano diversi studi – espone il feto al maggiore rischio di morte neonatale, considerato che tale posizione ostacola la circolazione utero placentare.

C’è però almeno un altro grave motivo che dovrebbe indurti a rinunciare a questo tipo di posizione, ed è la sua scomodità in termini di respirazione notturna. Dormire a pancia in su ti fa infatti sentire il peso dell’utero sul diaframma, rendendo la respirazione piuttosto difficile. Non sono poche, di fatti, le donne che sostengono che dormire a pancia in su durante l’ultimo trimestre in gravidanza sia stato per loro quasi impossibile, e che avessero l’impressione di non riuscire a prendere fiato a sufficienza.

Dormire di fianco in gravidanza

Considerato che dovresti accantonare il dormire a pancia in giù e a pancia in su in gravidanza, non rimane altro da fare che rifugiarsi nella sicura e più comoda posizione di fianco.

La posizione migliore per le donne che stanno cercando di capire come dormire in gravidanza è infatti proprio quella di poggiarsi sul fianco, con le gambe leggermente piegate. Ma quale fianco?

I benefici che potresti ottenere dal dormire su un fianco sono generalmente estesi su entrambi i lati, ma di norma è preferibile “puntare” su quello sinistro, perché proprio su questo lato l’utero non andrà a gravare sugli altri organi interni, e sulla vena cava in gravidanza, permettendoti di vantare così una migliore circolazione del sangue.

A proposito, se non sai di cosa si tratta il tema della “vena cava gravidanza”, ti ricordo in queste poche righe che la vena cava è il vaso sanguigno più grande del nostro corpo, e che è proprio dalla vena cava che passa il drenaggio in tutto l’organismo. Durante la gravidanza la vena cava si rivela essere ancora più preziosa, considerato che dal suo corretto funzionamento dipenderà un congruo trasporto dell’ossigeno e dei nutrienti verso il feto, mediante la placenta.

Accessori per dormire bene in gravidanza

Prima di chiudere questo approfondimento su come dormire bene in gravidanza, ho voluto cercare di fare il punto su un altro aspetto che ritengo molto importante per poter raggiungere gli obiettivi che ci siamo proposti in questo focus, legato a quali siano gli accessori che possono aiutarti a riposare meglio nella dolce attesa.

Il mio pensiero è soprattutto ai cuscini specifici che da diversi anni possono essere facilmente acquistati in commercio, e che hanno come obiettivo quello di tenere la corretta posizione nel sonno, supportando il tuo corpo ad assumere una posizione più rilassata. È evidente che, così facendo, un buon cuscino per la gravidanza e per l’allattamento ti permetterà di rendere più vicino l’obiettivo di un sonno ristoratore.

Per il resto, non è possibile individuare un cuscino per la gravidanza che sia migliore degli altri, considerato che il fisico di ogni donna potrebbe reagire in maniera diversa a questo particolare momento della propria vita.

Molte donne, ad esempio, ritengono sufficiente dotarsi dei mini cuscini per la gravidanza, che sono in grado di sostenere la pancia e la schiena con praticità. Peraltro, il fatto che questo cuscino possa essere facilmente trasportabile lo rende utilizzabile un po’ ovunque.

I cuscini più completi sono invece quelli total body: come intuibile dal nome stesso di questi accessori, permettono di ottenere un appoggio su tutto il corpo, evitandoti – peraltro – di cambiare accidentalmente posizione durante il sonno.

Prova a domandare un parere qualificato in un negozio specializzato, dove potrai anche testare i singoli cuscini, per poter comprendere sia migliore per le tue preferenze!

Su di me

Linda Tosoni

Dopo un’esperienza professionale ventennale come ostetrica ospedaliera, estetista, insegnante, consulente e titolare di un istituto di bellezza, ho deciso di creare un vero e proprio metodo per l’estetica dedicata alla donna in gravidanza.

Contattami per una prima consulenza gratuita!

 Firma Linda Tosoni

Scarica la mia guida gratuita

copertina guida gratuita

Ultimi articoli

CONSULTA IL BLOG

cerca nel sito

Richiedi consulenza

SCARICA ORA LA TUA GUIDA GRATUITA
COME PREVENIRE LA PELLE SECCA E LE SMAGLIATURE IN GRAVIDANZA
Linda Tosoni primo piano
Firmata
copertina guida gratuita