Aria condizionata in gravidanza: come comportarsi?

aria condizionata in gravidanza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Linda Tosoni

Ostetrica 

Consulenza ostetrica e di estetica in gravidanza

A partire da soli 57€uro

L’aria condizionata in gravidanza fa male? Oppure possiamo utilizzarla con serenità?

Tutte le donne che hanno affrontato la dolce attesa durante il periodo estivo sanno molto bene quanto sia ricca di fastidi questa fase della propria  vita, e come la calura della bella stagione non aiuti certamente a trovare il migliore ristoro.

È per questo motivo che il caldo in gravidanza spesso si affronta anche mediante l’utilizzo di sistemi di condizionamento dell’aria che possano consentire di trovare prontamente il migliore refrigerio ma… a fronte di quali rischi?

Dormire con aria condizionata in gravidanza è pericoloso? C’è realmente una relazione tra aria condizionata e mal di pancia?

In questo approfondimento voglio cercare di fare il punto sul corretto utilizzo dell’aria condizionata in gravidanza. 

Ti renderai così facilmente conto che buona parte delle indicazioni che troverai su questa pagina possono ben valere nei confronti della generalità delle donne, ma che proprio durante la fase di gravidanza bisognerà prestare una maggiore attenzione per la propria salute e, indirettamente, per quella del proprio bimbo.

Aria condizionata in gravidanza, evitare gli sbalzi termici

La prima cosa che voglio condividere con te e con tutte le mie lettrici interessate al tema, è che è essenziale evitare di esagerare con l’aria condizionata, abbassando la temperatura ambientale in modo eccessivo rispetto a quella esterna.

Ricorda infatti che le temperature dell’aria condizionata non dovrebbero mai essere regolate in maniera tale da favorire elevati sbagli termici tra dentro e fuori casa, tenendo altresì conto che – come ci ricordano le indicazioni del Ministero della Salute – il nostro organismo dovrebbe vivere in un contesto ambientale di circa 25-27 gradi.

Tenendo in considerazione questo aspetto, è fondamentale che la differenza tra i locali in cui soggiorni e l’esterno non sia mai oltre i 5-6 gradi.

Valuta anche che questa indicazione non vale solamente per la tua abitazione, dove probabilmente trascorrerai la maggior parte del tuo tempo, quanto anche in tutti quei locali in cui potresti trovarti per brevi frangenti. È questo il caso dell’abitacolo della tua auto o, magari, di un negozio nel quale vorresti comprare un nuovo abito: se noti che la temperatura del locale è troppo rigida rispetto a quella esterna, meglio rinunciare.

Ricorda infatti che gli sbalzi termici sono molto dannosi per la donna in gravidanza e, più ampiamente, per la generalità degli organismi, che mal si adattano agli sbalzi termici improvvisi ed elevati.

NOVITA'

Aria condizionata in gravidanza: come comportarsi? 1

Consulenza Generica 30 min.

Potrai ricevere risposte concrete e risolvere le tue principali problematiche, chiedendo ciò che desideri sugli argomenti di cui hai bisogno…

Aria condizionata durante la gravidanza, massima cautela in alcuni momenti del giorno

Premesso quanto sopra, è anche vero che ci sono dei momenti della giornata in cui bisognerebbe prestare una maggiore attenzione.

Uno di questi è il momento della digestione: dopo aver mangiato, infatti, un abbassamento improvviso della temperatura ambientale potrebbe determinare un rallentamento della digestione o, nella peggiore delle ipotesi, determinare una pericolosa congestione.

Un’altra raccomandazione che mi sento di fare riguarda l’abitudine di dormire in gravidanza con l’aria condizionata: durante il sonno la nostra temperatura corporea tende ad abbassarsi in modo automatico, perché il metabolismo rallenta. Dunque, utilizzare l’aria condizionata durante la notte corre il rischio di generare un eccessivo raffreddamento.

Aria condizionata e mal di pancia: quali relazioni

Molte donne lamentano di soffrire di mal di pancia in seguito all’utilizzo dell’aria condizionata o, più generalmente, di altri dolori che sono legati temporalmente proprio all’uso di questo dispositivo.

Ebbene, ricorda che i dolori muscolari possono essere determinati proprio dalle contratture determinate dal contatto con l’aria fredda. Prova a pensare a quando, magari, hai dovuto viaggiare in auto con un getto d’aria refrigerante: dopo un po’ di tempo potresti aver sperimentato un fastidioso torcicollo.

Lo stesso avviene anche per quanto riguarda dei dolori che potresti avvertire nella zona del ventre, che potrebbero peraltro essere favoriti anche da un rallentamento della digestione, per i motivi che sopra abbiamo condiviso.

In tutte queste situazioni è fondamentale prevenire, considerato che – contrariamente alla generalità delle persone – durante la gravidanza dovresti fare a meno dell’uso di antinfiammatori. 

Come usare correttamente l’aria condizionata in gravidanza

Come ho ricordato nella conclusione del paragrafo precedente, per evitare i problemi con l’aria condizionata in gravidanza è certamente utile procedere con l’utilizzo più coerente e consapevole di questo accessorio: ne va della tua salute, e di quella del tuo bebè. 

Pertanto, se noti che in casa c’è una temperatura troppo afosa e, magari, vuoi raffreddarla un po’ per poter dormire meglio, è buona abitudine rinfrescare la stanza prima di andare a letto, spegnendo cioè l’aria condizionata durante la notte. In questo modo ti addormenterai in maniera più confortevole, senza correre alcun rischio.

Ricorda altresì di coprirti ogni volta che passi dall’esterno all’interno, ovvero dal caldo al freddo condizionato e ventilato. È infatti fondamentale dare al proprio corpo tutto il tempo di adeguarsi alle nuove temperature, evitando di esporsi direttamente e improvvisamente all’aria più gelida.

Una maggiore raccomandazione deve essere assunta nel momento in cui dovessi essere particolarmente accaldata e sudata. In quel caso il passaggio dell’aria calda a quella fredda dovrà avvenire in maniera ancora più graduale e accorta, al fine di evitare le ripercussioni che potrebbero determinare dagli sbalzi termici troppo repentini.

Conclusioni

Insomma, se hai letto con attenzione le righe che precedono, dovresti esserti resa conto che, in fondo, i consigli che posso fornire alle donne in gravidanza sul corretto rapporto con l’aria condizionata non sono particolarmente dissimili da quelli che potresti leggere per la generalità delle donne.

Ricorda dunque di utilizzare questo utile strumento con la giusta consapevolezza e parsimonia, evitando di:

  • impostare temperature troppo rigide e inferiori di 5-6 gradi al clima esterno
  • subire sbalzi termici con passaggio rapidi dall’esterno 
  • non coprirti quando il clima all’interno di una casa o di un negozio è molto condizionato e ventilato
  • dormire con l’aria condizionata accesa.

Se poi vuoi saperne di più su questo aspetto e – più in generale – su come puoi affrontare la gravidanza in modo sereno, puoi richiedermi una consulenza personalizzata di 60 minuti: sarà la giusta occasione per parlare di come puoi arrivare al parto nel modo più sereno e sicuro

Su di me

Linda Tosoni

Dopo un’esperienza professionale ventennale come ostetrica ospedaliera, estetista, insegnante, consulente e titolare di un istituto di bellezza, ho deciso di creare un vero e proprio metodo per l’estetica dedicata alla donna in gravidanza.

Contattami per una prima consulenza gratuita!

 Firma Linda Tosoni

Scarica la mia guida gratuita

copertina guida gratuita

Ultimi articoli

CONSULTA IL BLOG

cerca nel sito

SCARICA ORA LA TUA GUIDA GRATUITA
COME PREVENIRE LA PELLE SECCA E LE SMAGLIATURE IN GRAVIDANZA
Linda Tosoni primo piano
Firmata
Linda Tosoni
copertina guida gratuita