Estetica e gravidanza: cosa si può fare

estetica e gravidanza
Linda Tosoni

 

Ostetrica

e Beauty Specialist

 

Consulenza Online 

con LINDA TOSONI 

Novità a soli 47€ 

Estetica e gravidanza: trattamenti utili o dannosi?

Tutte le donne che sono abituate a prendersi cura di se stesse ricorrendo a tinture per capelli, utilizzando cosmetici e make-up o ricevendo trattamenti di estetica e gravidanza come la manicure, pedicure o depilazione è normale che da future mamme inesperte, inizino a nutrire mille dubbi.

Queste donne si domandano infatti di quali trattamenti di bellezza e di estetica e gravidanza possano continuare a godere, quali siano i cosmetici che possono continuare a utilizzare e al contempo, quali siano i trattamenti che sarebbe meglio sospendere od evitare proprio e come l’estetica e gravidanza possano coesistere.
Qui di seguito pubblicheremo una guida completa, basata sui consigli offerti dai ginecologi del Children Hospital di Montefiore e da quelli del College of Medicine “Albert Einstein” dell’Università Yeshiva di New York e che siamo certi possano essere davvero utili.

Estetica e gravidanza: cosa è concesso

Le donne compiono dei gesti quotidiani e periodici che sono dei veri e propri rituali irrinunciabili e che danno vita alla loro beauty routine. Il fatto che esse si pongano il dubbio se qualcuna di queste abitudini possa nuocere al futuro nascituro, è più che normale e conoscere cosa è possibile ricevere nell’ambito dell’estetica e gravidanza è assolutamente lecito.

Tinta per capelli in gravidanza

Uno dei trattamenti di bellezza ai quali le future mamme hanno difficoltà a rinunciare è l’appuntamento periodico con il parrucchiere; per precisione, il dubbio non è inerente a taglio e piega, ai quali potranno sottoporsi sempre e comunque, ma riguarda solitamente un’aspetto dell’estetica e gravidanza relativa all’utilizzo delle tinte per i capelli.
Il dubbio principale sull’uso delle colorazioni durante la gravidanza sorge dal fatto che, in passato, la loro composizione è stata messa spesso sotto accusa, essendo presenti in esse delle sostanze potenzialmente tossiche, soprattutto l’ammoniaca e che si ritiene possano giungere sino alla placenta e al feto, passando attraverso il cuoio capelluto. É questo il motivo per il quale si è lungamente sconsigliato alle gestanti di colorare o di schiarire i capelli.
Gli esperti statunitensi suggeriscono di utilizzare coloranti con riflessanti di origine vegetale, prestando particolare attenzione durante i primi tre mesi di gravidanza. Dopo i 3 mesi, suggeriscono sia di ridurre al minimo l’esposizione ai vapori liberati da possibili sostanze chimiche contenute all’interno della tinta. Per fare questo è sufficiente richiedere che il locale sia ben ventilato, di stendere il prodotto solo sulla lunghezza dei capelli, evitando nel possibile, il contatto con il cuoio capelluto.
É importante precisare che le tinte per capelli che oggi possono essere sostituite dalle colorazioni composte da sostanze a base naturale sono facilmente reperibili e garantiscono comunque una buona copertura dei capelli bianchi.

Unghie e smalto in gravidanza

Tra i trattamenti legati all’estetica e gravidanza troviamo i trattamenti per le mani e i piedi con applicazione di smalto. Per quanto riguarda l’applicazione dello smalto in gravidanza, il timore è sempre relativo alle sostanze potenzialmente nocive presenti all’interno del prodotto, le quali potrebbero potenzialmente rappresentare un rischio per il feto in particolare durante i primi tre mesi.
Oggi non esiste alcun motivo per limitare il ricorso alla classica manicure se non per quanto riguarda l’applicazione del gel sintetici. L’estetica e gravidanza, devono trovare un punto d’incontro tra ciò che fornisce un miglioramento fisico e ciò che consente una certa sicurezza.

Smalto in gravidanza sicuro

Suggerirei alcuni accorgimenti perché estetica e gravidanza vengano svolte in maniera sicura.

Durante lo svolgimento della manicure e l’applicazione dello smalto per prima cosa, la gestante dovrà indossare una mascherina per evitare di inalare attraverso la respirazione sostanze che potrebbero rivelarsi tossiche, come ad esempio i cianoacrilati, che conferiscono allo smalto quel tipico odore nauseabondo. È importante inoltre affidarsi a un professionista che rispetti sia le norme di sicurezza, sia quelle igieniche, alla lettera.

Purtroppo è stato riscontrato un preoccupante aumento di casi di epatite causati da strumenti non adeguatamente disinfettati. Si suggerisce, quindi, oltre a pretendere che vengano utilizzati strumenti sterilizzati a dovere, anche di chiedere di evitare l’eliminazione delle cuticole (pellicine intorno alle unghie), poiché le piccole ferite potrebbero essere motivo o fonte di infezione.

Smalto prima del parto

Non tutte le donne a termine di gravidanza sanno che dovranno obbligatoriamente togliere ogni traccia di smalto alla vigilia del parto, poiché, per poter monitorare la situazione al 100% i medici ed i sanitari, devono poter vedere e valutare il colore naturale delle unghie per verificare il benessere della donna.

Depilazione in gravidanza

Per quanto riguarda la depilazione in gravidanza non tutte le tecniche disponibili sono adatte o permesse. Vediamo alcune delle tecniche disponibili e a cosa porre attenzione.

Ceretta in gravidanza

La ceretta è una tecnica ampiamente utilizzata, anche in gravidanza, non ci sono problemi all’uso di questa pratica e particolari controindicazioni, se non il dovere di prestare attenzione in caso di presenza di vene varicose, per le quali sarebbe meglio utilizzare la cera a freddo eseguita con manovre molto delicate, onde evitarne danni e pericoli. Questa tecnica è concessa anche per quanto riguarda la ceretta all’inguine in gravidanza.

Rasoio in gravidanza

Il rasoio, rimane una delle tecniche di depilazione più semplice, rapida ed economica. Uno degli aspetti negativi è il fatto che possa essere complicato l’impiego del rasoio in gravidanza per il rischio di procurarsi tagli o ferite per le difficolta nei movimenti della donna, in particolare a termine di gravidanza. Il ricorso al rasoio in alcuni soggetti potrebbe irrobustire il pelo, perché a differenza della ceretta, il pelo non viene strappato e quindi indebolito progressivamente, ma tagliato.

Crema epilatoria in gravidanza

La tecnica di rimozione dei peli con crema epilatoria in gravidanza, è invece sconsigliata. E’ una tecnica di estetica e gravidanza da evitare assolutamente perché: per agire il prodotto deve essere applicato direttamente sulla pelle e contenendo al suo interno delle sostanze chimiche potenzialmente nocive, queste potrebbero essere assorbite o procurare irritazioni.

Laser in gravidanza

Negli ultimi anni, le tecniche di epilazione permanente progressiva attraverso apparecchiature basate su fonti luminose come la luce pulsata o il laser, hanno trovato numerosi riscontri in termini di risultato, ma in questo caso, il laser in gravidanza è vietato. La depilazione definitiva attualmente a disposizione, è ritenuta dannosa e quindi da demandare al dopo parto.

Trattamenti estetici in gravidanza

Sono numerosi i trattamenti estetici offerti in estetica e gravidanza vediamo quali è possibile ricevere.

Abbronzatura e solarium in gravidanza

Per quanto riguarda i trattamenti abbronzanti, non solo sono sconsigliati, ma in Italia sono stati persino vietati dal Ministero della Salute, nel 2011. Il motivo del divieto è dovuto al fatto che le temperature elevate, al quale il corpo è sottoposto, provocano una vasodilatazione, comportando difficoltà a livello venoso e arterioso in un momento durante il quale la circolazione sanguigna è già sotto sforzo e dunque è più delicata.
Un altro motivo per il quale i trattamenti abbronzanti sono sconsigliati, è che durante la gravidanza la pelle accumula maggiormente la melanina, ragione per la quale aumenta la possibilità che si formino le antiestetiche macchie scure, specialmente sul viso.
Questo discorso va tenuto presente anche per quanto riguarda i percorsi benessere in generale che prevedono importanti sbalzi di temperatura, come l’hammam, il bagno turno o la sauna e sono dunque da evitare.

Idromassaggio in gravidanza

L’idromassaggio in gravidanza buono come idea, per l’effetto rilassante dell’acqua, ottimo stimolante per la microcircolazione, ma in realtà andrebbe evitato perché i getti d’aria all’interno dell’acqua procurano un rumore che potrebbe disturbare il feto.

Massaggio in gravidanza

Il massaggio manuale è un vero pilastro dell’estetica e gravidanza, ovviamente effettuato da professionisti, senza l’uso di apparecchiature è concesso, anzi raccomandato per le molteplici proprietà.

I massaggi aiutano a rilassare e a tonificare il corpo e sono coadiuvanti nel ridurre gonfiori e tensioni. Anche il linfodrenaggio è molto utile per ridurre al minimo la pesantezza e il gonfiore delle gambe, oltre a contrastare la ritenzione idrica e la cellulite che tende ad aggredire in particolar modo le donne in gravidanza per la situazione ormonale.

É bene che i massaggi siano praticati sempre da mani esperte e che i prodotti impiegati per la loro esecuzione siano consentiti per il periodo della dolce attesa.

Estetica e gravidanza: creme e prodotti cosmetici

Durante la gestazione andrebbero utilizzati solo prodotti cosmetici formulati in maniera specifica per la donna in dolce attesa.

È vivamente consigliato invece l’uso dell’olio vegetale, in particolar modo l’olio di mandorle dolci, l’olio di cocco, l’olio di argan da applicarsi da sole o adatti per sottoporsi a massaggi relax.

Si tratta di oli che rendono la pelle morbida, elastica e tonica, favoriscono la microcircolazione del sangue e il ritorno venoso e linfatico, evitando i possibili gonfiori agli arti inferiori, ai quali si è particolarmente soggetti in questo periodo.
A causa delle alterazioni ormonali, della pelle e della microcircolazione, durante questo periodo si può soffrire di un disturbo tipico e cioè di prurito in gravidanza, soprattutto a livello della pancia.

La pelle è inoltre sottoposta a tensioni a causa delle variazioni di volume del corpo e man mano che il bimbo cresce l’elasticità cutanea viene messa a dura prova, con il rischio che possano formarsi le antiestetiche e tanto temute smagliature in gravidanza. Per questi motivi, per donare maggiore tono alla pelle, è bene utilizzare dei prodotti mirati.

Prodotti cosmetici in gravidanza

I prodotti cosmetici in gravidanza dovrebbero essere il più vicino possibile a sostanze naturali come appunto: gli oli vegetali anche arricchiti per esempio dall’olio di rosa mosqueta, e contenenti le vitamine principali come la E.

In aggiunta agli oli è opportuno usare anche una crema per il corpo elasticizzante o idratante e lenitiva, con caratteristiche specifiche per la donna in gravidanza, come quelle specifiche della linea naturale.

Durante questo periodo sarebbe anche necessario prevenire la formazione della ritenzione idrica e a tal proposito, è sconsigliato esporsi a sbalzi di temperatura troppo fredde o troppo calde.
Per agevolare la circolazione potrebbe aiutare dormire con le caviglie leggermente sollevate rispetto al resto del corpo, nuotare, fare delle lunghe passeggiate e non aumentare eccessivamente di peso.
È raccomandato l’utilizzo di cosmetici naturali a base di nocciola, di mirtillo, di betulla, di ippocastano o di vite rossa, i quali donano una immediata sensazione di leggerezza alle gambe.
Molti prodotti cosmetici sono sconsigliati durante la gravidanza, come le creme anticellulite in genere. Sconsigliato l’utilizzo di creme e oli che contengano al loro interno sostanze come le alghe, la caffeina, derivati dello iodio ed oli essenziali in alte concentrazioni.

Creme viso e pulizia viso

Quello della maternità è un periodo durante il quale la pelle è soggetta a tantissimi cambiamenti. La cute di alcune future mamme appare subito più setosa e luminosa grazie al maggiore apporto di sangue e in altre donne, invece, può verificarsi la formazione di acne o di pelle grassa, a causa dello squilibrio ormonale in corso.
È possibile utilizzare creme viso in gravidanza, anche quando l’obiettivo è quello di voler rimediare a peggioramenti dello stato cutaneo, purché si evitino accuratamente: farmaci, cortisonici, prodotti a base di tetracicline, retinolo (presente all’interno di alcune creme anti-age), perossido di benzoile e acido salicilico se in alte concentrazioni (riscontrabile in alcune creme per l’acne), idrochinone (talvolta si trova all’interno di creme antimacchia) e si intensifichi l’uso di creme che siano totalmente prive di sostanze chimiche e di derivazione del petrolio.
Le migliori creme da usare per l’estetica e gravidanza sono quelle dalla composizione leggera, non grassa e non unta, che siano idratanti e formulate con ingredienti esclusivamente naturali. Si, quindi, all’applicazione di creme viso in gravidanza a base di burro di Karité, acido Ialuronico, vitamina E, calendula, mirtillo, e melograno.
Come già accennato, in questo periodo la pelle non solo subisce una sovrapproduzione di melanina e a causa della tempesta ormonale, è possibile si crei anche la famosa “maschera gravidica” o “cloasma gravidico”, il quale potrebbe accentuarsi durante una eventuale esposizione al sole: per ovviare ad entrambe queste problematiche, è importante utilizzare una crema viso da giorno che contenga un elevato fattore solare protettivo.

Detersione del viso in gravidanza

Per quanto riguarda la detersione del viso in gravidanza, indipendentemente dalle caratteristiche della pelle che ovviamente andrebbe valutata, una buona regole è quella di utilizzare un buon latte detergente, magari in grado anche di struccare, da utilizzare mattino e sera.

Meglio se delicato per non alterare troppo il film idro-lipidico della pelle del viso. Ottimi i detergenti a risciacquo e per pelli delicate. Esistono dei detergenti specifici per pelle con produzione di sebo in eccesso, foruncoletti e comedoni con proprietà astringenti ed effetto sebo-stop. In ogni caso è sempre importante idratare e proteggere la pelle con una crema adatta anche a seconda della stagione.

Trattamenti professionali e pulizia del viso

Il trattamento o la pulizia del viso in gravidanza professionale, non ha particolari controindicazioni eccetto che sia meglio rivolgendosi esclusivamente a istituti di bellezza e centri estetici seri e con personale preparato in grado di offrire servizi eseguiti con prodotti cosmetici adatti e con manovre e metodiche specifiche.

La scelta accurata dell’estetista in gravidanza è molto importante.

Tra le pratiche non consigliata la vaporizzazione, se impiegata per lungo tempo e con alte temperature. Il viso e la pelle ne risulterebbero troppo stressati. Da evitare perché troppo traumatica: la pratica della strizzatura, aggiungerei anche quella praticata nella modalità “fai da te”!!!

No all’impiego di apparecchiature che utilizzano ultrasuoni, onde acustiche o correnti di alcun tipo.
Sono da evitare tutti gli oli essenziali se non ben conosciuti e se impiegati in alte concentrazioni. Attenzione agli oli a base di rosmarino, salvia, menta piperita e gelsomino, sono da preferire invece quelli a base di camomilla, rosa e lavanda.

Estetica e gravidanza: il make-up

Come già accennato, a causa degli sbalzi ormonali la pelle può migliorare o peggiorare, pertanto, anche durante la scelta del make-up argomento tanto gradito riguardo all’estetica e gravidanza, è bene prestare attenzione e optare per una tipologia adatta in quel preciso momento. Questi accorgimenti saranno ottimi per evitare di avere un effetto maschera o effetto lucido, ma con un effetto naturale e fresco.
Quando si è in dolce attesa, verrà naturale puntare sulla praticità, perché spesso stanchezza e pesantezza non saranno d’aiuto; è possibile che viviate dei momenti di insonnia e di malessere generale che potrebbero causare occhiaie, borse sotto gli occhi e un incarnato spento.

La cosa migliore sarà quindi di creare un beauty essenziale e funzionale, per essere certe di prestare costante attenzione alla vostra bellezza. Basteranno una base trucco per uniformare l’incarnato, una matita occhi e un mascara. Potrete optare anche per degli ombretti e il rossetto se non potrete farne a meno e avrete comunque voglia di essere impeccabili.
Durante la gravidanza è meglio aumentare l’attenzione per la pulizia dei pennelli e delle spugnette ed evitarne la condivisione con altre persone per una buona estetica e gravidanza.

Make-up da evitare in gravidanza

Per quanto riguarda il trucco in estetica e gravidanza, Il make-up da evitare sarà quello che contiene parabeni e tracce di piombo al suo interno. A tal proposito sarebbe bene puntare su dei trucchi composti da ingredienti biologici o naturali. La normativa europea oggi è comunque abbastanza attenta per quanto riguarda il divieto dell’utilizzo di sostanze nocive come i metalli pesanti e il nichel.
Esistono dei brand particolarmente indicati per le donne in dolce attesa, che commercializzano ottimi prodotti con delle linee di trucchi composte da rossetti liquidi, eye-liner e prodotti base per il viso di varie tipologie.
Esistono linee di prodotti dedicati alle persone allergiche, per chi ha la pelle sensibile e quindi a tutte coloro che hanno problemi di pelle delicata.

Alcune aziende producono fondotinta per le donne che non vogliono rinunciare al trucco e le famose creme colorate o BB cream, o CC cream che consentono spesso di ottenere buoni risultati in termini di copertura ed uniformità del volto.

Trattamenti di chirurgia estetica e gravidanza

I trattamenti di chirurgia estetica o di medicina estetica e gravidanza, vanno evitati durante tutto il periodo della gravidanza per il fatto che di solito prevedono il contestuale utilizzo di farmaci o anestetici che potrebbero rivelarsi dannosi per la salute della donna o del bambino. Questi trattamenti non sono mai liberi da rischi o poco invasivi e quindi meglio rimandarli al post gravidanza.

Come si è potuto evincere, oggi le cose sono notevolmente cambiate per vari motivi.
In primis, perché gli esperti si sono dedicati con maggior cura nel far capire cosa sia veramente dannoso per una donna in gravidanza e per il bambino; perché si punta in modo deciso alla creazione di linee cosmetiche e di make-up sempre più tollerate, naturali e sicure. Anche la legislazione adottata in materia di controllo delle sostanze contenute all’interno dei prodotti, ne garantiscono l’utilizzo in totale sicurezza.
Tutte le donne che amano prendersi cura di se stesse e che non vogliono rinunciare al proprio benessere e alla propria bellezza, trovano oggi una facile risposta per ogni loro necessità.

Su di me

Linda Tosoni

Dopo un’esperienza professionale ventennale come ostetrica ospedaliera, insegnante, consulente e titolare di un istituto di bellezza, ho deciso di creare un vero e proprio metodo per il benessere, dedicata alla donna in gravidanza.

Contattami per una prima consulenza gratuita!

 Firma Linda Tosoni

Scarica la mia guida gratuita

copertina guida gratuita

Ultimi articoli

CONSULTA IL BLOG

cerca nel sito