Le cause e i rimedi dei crampi in gravidanza

crampi in gravidanza
Linda Tosoni

 

Beauty Specialist

Consulenza Online 

con LINDA TOSONI 

Novità a soli 57€ 

Le cause e i rimedi dei crampi in gravidanza

I crampi sono contrazioni improvvise e involontarie dei muscoli, che puoi avvertire in diverse zone del corpo. Possono essere più o meno dolorosi, ma in genere sono di breve durata.

Nello specifico, i crampi in gravidanza interessano aree ben precise del corpo della donna. Sono contrazioni muscolari fisiologiche, assolutamente normali in alcune situazioni e in determinati momenti della gestazione. Ciò significa che non devono spaventarti, ma conoscerne l’origine è utile per gestirli e per porvi rimedio.

Crampi durante la gravidanza: dove si presentano?

Qual è la causa che scatena i crampi in gravidanza? Esistono cause molteplici. Infatti, durante tutti i nove mesi di gestazione, i crampi si manifestano in diverse zone del tuo corpo. Questo non vuol dire che saranno per te un tormento, a maggior ragione se tutto procede in modo regolare.

In alcune situazioni c’è da aspettarseli. Come è ovvio che sia, se li avverti è perché esistono delle motivazioni che riguardano i cambiamenti che il tuo corpo attraversa per accogliere e far crescere il bambino.

Devi sapere che esistono almeno tre tipologie di crampi che più probabilmente potrai percepire:

  • crampi allo stomaco;
  • crampi al basso ventre;
  • crampi alle gambe.

Come già detto, sono piccoli fastidi piuttosto comuni e normali. C’è da preoccuparsi solo se si presentano con frequenza e diventano molto dolorosi. Quando iniziano a essere davvero ingestibili, la prima cosa da fare è consultare il medico.

Mamy Butter

Crema corpo Mamybutter

Per la donna nelle diverse fasi della vita, in grado di:

  • proteggere dalla disidratazione cutanea
  • prevenire irritazioni e danni alla pelle
  • lenire il prurito, la secchezza e i fastidi anche intimi     

Adatta a tutte le età, in particolare nel periodo della GRAVIDANZA e menopausa

Crampi allo stomaco in gravidanza

I disturbi allo stomaco durante la gravidanza sono tra i fastidi più diffusi. Non ci sono solo le nausee, ma anche spasmi e crampi. Questi ultimi interessano principalmente la bocca dello stomaco, situata subito sotto lo sterno.

Puoi soffrirne sia prima sia dopo aver mangiato. Dopo i pasti, i crampi si associano molto spesso al reflusso gastrico. Anche il tanto citato senso di acidità è molto comune in gravidanza. Le ragioni devono essere ricercate nell’ingrossamento dell’utero e nello sviluppo del feto: man mano che aumenta la crescita, più lo stomaco viene compresso.

La digestione rallenta a causa di quanto appena descritto e anche in virtù del progesterone, ormone che frena la motilità gastrica. Se soffri di reflusso, quindi, non c’è nulla di strano. Neanche a dirlo, fenomeni più gravi come dolore persistente, vomito e febbre devi segnalarli immediatamente al medico specialista.

Crampi al basso ventre

I crampi allo stomaco non vanno confusi con i dolori della fascia addominale. I dolori al basso ventre a inizio gravidanza sono più che consueti. In genere, si manifestano tra la quinta e la nona settimana di gravidanza e ti danno la stessa sensazione che provi quando hai il ciclo mestruale.

Sono piccole contrazioni uterine da intendere come movimenti muscolari finalizzati all’annidamento dell’ovocita. Ciò avviene all’inizio della gravidanza e l’unico segnale d’allarme eventuale è il sanguinamento. Se dovessi sanguinare, allora è bene fare le dovute indagini per capire se e cosa c’è che non va.

Altri dolori del basso ventre sono le contrazioni di Braxton-Hicks. Queste si manifestano a partire dal secondo trimestre e aumentano la loro frequenza durante il terzo trimestre. Li percepisci come se fossero una sorta di morsa addominale, non così dolorosa, ma che puoi chiaramente avvertire. Queste contrazioni provengono dal tuo utero che si “allena” ad affrontare il momento del parto.

crema-viso-idratante-defend

Crema viso idratante lenitiva

Crema viso ideale per la pelle sensibile, secca o arrossata

Crampi alle gambe

Durante le ultime settimane della gestazione, sono frequenti anche i crampi alle gambe. Non è troppo difficile immaginare il perché: è il periodo in cui il peso del bambino si fa sentire di più, quindi muscoli e ossa sono decisamente affaticati. Sono contrazioni muscolari esasperate da eventuali carenze di calcio e potassio, ma anche dovute alla troppa sedentarietà.

Crampi gravidanza rimedi: quali sono?

Per alleviare gli spasmi allo stomaco, il tuo stile alimentare è fondamentale. Segui una dieta equilibrata e bilanciata, attenendoti attentamente alle indicazioni su cosa non mangiare in gravidanza dal primo trimestre fino al terzo.

Evita il più possibile cibi grassi e acidi, come anche il cioccolato, che provoca acidità di stomaco. Sdraiarsi sul divano o sul letto subito dopo i pranzi e le cene non è affatto una buona idea. Lascia stare il pisolino pomeridiano e cerca, piuttosto, di tenere busto e addome in posizione eretta.

Favorisci la digestione, anche con l’aiuto di rimedi naturali. Se fai fatica a digerire e i crampi si presentano spesso, ricorda che in natura c’è quel che serve per calmare lo stomaco: camomilla e malva sono ottime per infusi calmanti da bere dopo i pasti, mentre lo zenzero è un eccellente digestivo, perfetto anche per sedare le nausee.

Per il resto, ciò di cui hai bisogno è la giusta alternanza di riposo e movimento fisico. Infatti, l’attività fisica moderata ti aiuta a prevenire i crampi muscolari alle gambe. Hai bisogno di attivare i muscoli e smuovere i liquidi: non stare seduta per troppe tempo sempre nella stessa posizione e, se hai bisogno di riposare, fallo tenendo le gambe leggermente alzate.

Se il crampo è molto doloroso, devi solo allungare il muscolo, come se stessi facendo stretching: tendi le dita del piede, tenendo le mani sotto alla pianta.

Anche farti fare un massaggio defaticante è un’idea da mettere in pratica: è rilassante, rimette in moto la circolazione e ti libera anche dalla sensazione, costante nel terzo trimestre, di pesantezza alle gambe.

Ricorda, però, che i crampi muscolari di questo tipo si combattono anche a tavola. Per evitare i dolori improvvisi, calcio, magnesio e potassio sono fondamentali.

Mangia verdure a foglia verde, cavoli, broccoli e finocchi per il calcio. Dai spazio a frutta, cereali integrali, legumi, carni e pesci magri per assimilare il giusto apporto di potassio e magnesio.

L’importante è rinunciare alle bibite gassate: sono troppo dolci e contengono fosforo, elemento che, purtroppo, favorisce le contrazioni muscolari.

Anche per alleviare i fastidi dei crampi al basso ventre, alterna il movimento fisico ai momenti di riposo. Sdraiati su un fianco se senti l’addome teso, ma riduci le contrazioni camminando ed eseguendo qualche esercizio di respirazione per rilassarti, come quelli che ti insegnano ai corsi di preparazione al parto.

Vedrai che, in fin dei conti, i crampi in gravidanza non ti daranno così tanto disagio.

Su di me

Linda Tosoni

Dopo un’esperienza professionale ventennale come ostetrica ospedaliera, insegnante, consulente e titolare di un istituto di bellezza, ho deciso di creare un vero e proprio metodo per il benessere, dedicata alla donna in gravidanza.

Contattami per una prima consulenza gratuita!

 Firma Linda Tosoni

Scarica la mia guida gratuita

copertina guida gratuita

Ultimi articoli

CONSULTA IL BLOG

cerca nel sito

SCARICA ORA LA TUA GUIDA GRATUITA
COME PREVENIRE LA PELLE SECCA E LE SMAGLIATURE IN GRAVIDANZA
Linda Tosoni primo piano
Firmata
Linda Tosoni
copertina guida gratuita